Cronaca
Commenta

Oglio Po: "I soldi raccolti restano qui o vanno a finire a Cremona?"

Sono un’infermiera - ci scrive una di loro - ma prima una cittadina credo nel nostro ospedale perché non possiamo avere un resoconto di tutte le donazioni fatte per il nostro ospedale anche rilevanti

CASALMAGGIORE – Tutto bello, tutto molto bello. Tutto bellissimo. Il nuovo ospedale a Cremona, i fondi europei, i 700 nuovi posti che si andranno ad aggiungere ai vecchi o li sostituiranno. Tutto ‘molto bellissimo’. Ma il casalasco è soprattutto altro. E’ le sue strutture ‘di ringhiera’ come le chiama il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio. Sono l’ospedale di Viadana, l’ospedale di Bozzolo e il nosocomio di Vicomoscano e quello di Asola.

Adesso che un po’ più di calma c’è ci si comicia a chiedere che sarà il post emergenza a Casalmaggiore come a Viadana e a Bozzolo. Se davvero vi sarà una maggiore considerazione per le strutture ‘minori’ (rispetto agli ospedali dei capoluoghi, non certamente rispetto al lavoro svolto e alla professionalità di chi vi lavora, che è equivalente). A cominciarsi a fare qualche domanda anche il personale ospedaliero.

“Sono un’infermiera – ci scrive una di loro – ma prima una cittadina credo nel nostro ospedale perché non possiamo avere un resoconto di tutte le donazioni fatte per il nostro ospedale anche rilevanti come avete più volte scritto e chiedere cosa ne vogliono fare? O rimangono a Cremona?”. Giriamo volentieri la richiesta al dottor Claudio Toscani e raccoglieremo nei prossimi giorni la sua risposta.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti