Cronaca
Commenta

8 maggio, organizzazioni non-profit dell'Oglio Po a raccolta per progettare la fase 2

Gli obiettivi sono innanzi tutto il confronto e, per quanto possibile, la definizione di possibili proposte operative rispondenti ai bisogni emergenti delle famiglie con figli minori ai tempi del Covid-19

In vista della “fase 2” e quindi dei cambiamenti che coinvolgeranno molte famiglie con figli minori, il Consorzio Casalasco Servizi Sociali di Casalmaggiore, l’Azienda Speciale Consortile Oglio Po di Viadana, il Forum del Terzo Settore e CSV Lombardia Sud aprono un tavolo virtuale di confronto e coprogettazione con le associazioni dell’ambito territoriale Oglio Po che operano senza scopo di lucro. Sono quindi invitate a partecipare a questo primo incontro online le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, le associazioni generiche e le associazioni sportive dilettantistiche. La riunione è prevista per venerdì 8 maggio dalle ore 18.00 alle 20.00.

Gli obiettivi sono innanzi tutto il confronto e, per quanto possibile, la definizione di possibili proposte operative rispondenti ai bisogni emergenti delle famiglie con figli minori ai tempi del Covid-19. Le associazioni che intendono partecipare devono essere dotate di un computer o di uno smartphone con connessione a internet.

Per iscriversi e partecipare all’appuntamento basta spedire una mail all’indirizzo lombardiasud@csvlombardia.it, inserendo come oggetto “Fase 2 Oglio Po” mentre nel testo della  mail vanno specificati il nome dell’organizzazione,  il nome e cognome della persona che parteciperà all’incontro, la mail e in numero di telefono. Dopo esservi iscritti riceverete, sempre via mail, il link alla piattaforma Microsoft Teams per partecipare all’incontro dell’8 maggio. È possibile iscriversi entro le ore 13.00 del 7 maggio. Non è necessario installare alcun programma per partecipare.

A partire da quanto emergerà dal primo incontro si valuterà se e quali iniziative proporre e organizzare, a quali fonti di finanziamento accedere per garantire, nel limite del possibile, la sostenibilità economica delle iniziative rispondenti ai bisogni emergenti, se e quali altri soggetti coinvolgere. Nei prossimi incontri verranno affrontate anche altre tematiche emergenti.

In un momento così complicato, doloroso e sicuramente inedito per tutti noi, crediamo che il confronto e la coprogettazione del nostro comune futuro sia di primaria importanza per l’intera comunità. Per questo vi invitiamo a partecipare numerosi.

Contatti:

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti