Ultim'ora
Commenta

Avis, in provincia donazioni
scese del 44%. Aumentano
le richieste per il test sierologico

Sono diminuite del 44% le donazioni all’Avis di Cremona, una situazione preoccupante, come riferisce la presidente Andreina Bodini nella newsletter agli associati. “Dobbiamo ricordarvi che non si muore solo di Covid 19. Il sangue è ancora un bene indispensabile per moltissime patologie e interventi".

Sono diminuite del 44% le donazioni all’Avis di Cremona, una situazione  preoccupante, come riferisce la presidente Andreina Bodini nella newsletter agli associati. “Dobbiamo ricordarvi che non si muore solo di Covid 19. Il sangue è ancora un bene indispensabile per moltissime patologie e interventi; in questi mesi abbiamo perso oltre il 44% della raccolta a livello provinciale. È quindi importante che confermiate il vostro impegno periodico alla donazione, continuando a rispondere con sollecitudine e nel rispetto delle date alla chiamata”. E’ questa una delle conseguenze direttamente collegate al Covid, con la pandemia che ha rallentato tante attività mediche ospedaliere e ambulatoriali e anche le donazioni.

E mentre queste scendono, continuano ad arrivare alla segreteria cremonese richieste per effettuare il test sierologico sul sangue, pratica che al momento viene riservata solo a particolari categorie decise dalla Regione (tramite le Ats). “Alla luce delle continue sollecitazioni che da molti di voi riceviamo in questi giorni – continua la presidente Bodini – precisiamo quanto segue: Avis Regionale Lombardia e Struttura Regionale di Coordinamento di Areu (SRC Lombardia) stanno ancora mettendo a punto un programma coordinato e condiviso che consentirà di sottoporre donatrici e donatori lombardi a test sierologici. Il test, appena disponibile, verrà effettuato solo in occasione di donazioni programmate. A oggi il test non è ancora pronto e nulla è ancora partito. Quando conosceremo le modalità operative nel dettaglio, sarà nostra premura contattarvi nell’interesse primario vostro, dei pazienti Covid 19 e della ricerca scientifica”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti