Ultim'ora
Commenta

5 letti per la prono-supinazione
per gli ospedali di Cremona e Crema
grazie ad una donazione Ocrim

"Sono di fatto dei veri e propri strumenti terapeutici che favoriscono la guarigione del paziente in tempi più brevi. Permettono di facilitare il lavoro degli operatori sanitari, favoriscono il comfort dei pazienti e limitano al minimo il rischio di piaghe da decubito".

Sono stati consegnati agli ospedali di Cremona e di Crema cinque letti per la Prono Supinazione acquistati da Arco Onlus grazie alla donazione dell’azienda cremonese OCRIM. Marina Zanotti, presidente del Gran Galà di Natale e responsabile della Raccolta fondi Arco Onlus, spiega: “Si tratta di letti molto speciali che agevolano la cura di pazienti con insufficienza respiratoria severa. Sono di fatto dei veri e propri strumenti terapeutici che favoriscono la guarigione del paziente in tempi più brevi. Permettono di facilitare il lavoro degli operatori sanitari, favoriscono il comfort dei pazienti e limitano al minimo il rischio di piaghe da decubito. Una strumentazione di ultima generazione che sarà utile a tutti.”

Matteo Tedoldi, presidente di Arco Onlus aggunge: “Intendo ringraziare OCRIM  che ha accolto il nostro appello e ha effettuato una donazione molto importante che ci ha permesso di donare questi letti, molto sofisticati, non solo a Cremona ma anche a Crema. Il Covid ha colpito duramente il nostro territorio che ha risposto con concretezza e con estrema generosità e questo ne è un esempio”. “Siamo orgogliosi – ha poi dichiarato con soddisfazione l’amministratore delegato di OCRIM, Alberto Antolinidi – quello che siamo riusciti a compiere tutti assieme. In un momento di emergenza come questo, il minimo che potevamo fare era sostenere il nostro sistema sanitario e l’incredibile lavoro che i nostri medici, infermieri e operatori sanitari stanno svolgendo. Grazie al forte legame che l’associazione Arco Onlus ha con il territorio, siamo riusciti a rendere la donazione immediatamente fruibile”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti