Ultim'ora
Commenta

Voglia di ripartenza:
i negozi si preparano a
risollevare le saracinesche

In attesa del nuovo decreto del presidente del Consiglio, in cui verrà ufficializzata la nuova data di riapertura dei negozi, che sembra essere definitivamente il 18 maggio, le vetrine si riempiono di cartelli.

C’è voglia di un lento ritorno alla normalità a Cremona e provincia, oltre che in tutto il comprensorio Oglio Po. In attesa del nuovo decreto del presidente del Consiglio, in cui verrà ufficializzata la nuova data di riapertura dei negozi, che sembra essere definitivamente il 18 maggio, le vetrine si riempiono di cartelli. Cartelli che ricordano sì le disposizioni vigenti per il coronavirus ma sopratutto che ricordano la data del 18 maggio come riapertura dei negozi d’abbigliamento (e di centri estetici, parrucchieri bar e ristoranti). Dopo due mesi di lockdown con l’economia in ginocchio e in attesa dei sostegni economici promessi dal governo, i negozianti di Cremona e provincia si preparano a tirare su le saracinesche con nuove modalità d’ingresso contingentate, mascherine obbligatorie e gel mani disinfettanti. Tutti però hanno uno sguardo rivolto ai dati dei contagi in regione che possono determinare potenzialmente nuove restrizioni che dopo 60 giorni di inattività tutti vogliono scongiurare.

Fband

© Riproduzione riservata
Commenti