Commenta

Viadana, pasti a domicilio
agli over 65 nel ricordo
di chef Felice Bacchi

I ragazzi della Croce Verde Viadana hanno infatti consegnato pasti a domicilio ad alcuni over 65 residenti nel comune che hanno fatto richiesta, in ricordo di Felice Bacchi, il cuoco che ha aiutato a far nascere la nostra festa estiva dell’associazione viadanese.

VIADANA – Un gesto di solidarietà nel ricordo di un amico che non c’è più, lo chef che ha cresciuto tanti ragazzi alla scuola Ial di Viadana. In collaborazione con Avis Casaletto e Ial Viadana i ragazzi della Croce Verde Viadana hanno infatti consegnato pasti a domicilio ad alcuni over 65 residenti nel comune che hanno fatto richiesta, in ricordo di Felice Bacchi, il cuoco che ha aiutato a far nascere la nostra festa estiva dell’associazione viadanese. “Inoltre ringraziamo la ditta Eurotessuti srl per averci donato Dpi necessari per continuare la nostra attività quotidiana” spiegano dalla Croce Verde.

Lo Ial di Viadana ha deciso in questo modo di affrontare il periodo post Covid con innovazione e fantasia. Anche quest’anno lo staff dell’Istituto di Formazione viadanese è riuscito ad onorare l’impegno con la sezione AVIS di Casaletto, associazione con la quale da anni organizza, nel mese di maggio, il pranzo in occasione della festa della mamma. Questa volta la modalità è stata tutta nuova: il divieto di assembramento non è riuscito a frenare l’inventiva dei docenti di cucina e degli chef in erba. Nei giorni scorsi, gli studenti, da casa, hanno sperimentato le ricette durante le lezioni online, e poi i docenti le hanno realizzate, a scuola, in occasione del pranzo. Successivamente i pasti sono stati impacchettati per l’asporto e consegnati dalla Croce Verde di Viadana ai cento partecipanti che si erano prenotati.

In questo modo, ognuno da casa propria, ha potuto festeggiare godendosi un menù di ben quattro portate. “L’iniziativa – dice Elisabetta Larini, dirigente Ial –  è stata anche la prima tra le tante che abbiamo in serbo, per onorare la memoria di Felice Bacchi, lo storico docente e chef recentemente scomparso a causa del virus. Proprio lui per molti anni, insieme ai suoi studenti, ha realizzato il menù del tradizionale pranzo AVIS della mamma. Gli studenti del corso di grafica hanno realizzato un’etichetta, applicata su ogni pacco da asporto, raffigurante il viso di Felice e i loghi degli sponsor: Conad, Ortofrutticola Genovesi e Anversa. Non dobbiamo lasciarci scoraggiare dagli ostacoli dovuti a questo inedito periodo storico, anzi accettando le nuove sfide, possiamo ripensare la didattica a cui eravamo abituati e trovare nuovi modi di organizzare eventi”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti