Commenta

Covid, i numeri del comprensorio:
77 gli attualmente positivi, 1.216
guariti, 16 comuni con zero casi

La Prefettura di Cremona assegnava al 30 giugno 695 casi positivi nei 19 comuni del Casalasco analizzati; quella di Mantova invece assegnava sempre al 30 giugno 842 casi positivi ai 13 comuni dell’Oglio Po mantovano. In realtà però...

Gli ultimi focolai, con rialzi registrati in particolare a Casalmaggiore, Viadana e Marcaria, hanno un po’ falsato il dato, che però abbiamo per comodità fissato al 30 giugno, ossia alla fine del mese scorso. Le tabelle che seguono, infatti, un mese e mezzo dopo l’ultima analisi di questo tipo (risalente, su OglioPoNews, al 16 maggio), dimostrano come i casi attualmente positivi siano davvero ridotti nel comprensorio Oglio Po. I dati che tutti i giorni proponiamo, forniti sia dalla Regione Lombardia che dalle Prefetture di Cremona e di Mantova, sono – come abbiamo indicato chiaramente e quotidianamente – riferiti ai casi positivi da inizio emergenza, dunque senza sottrarre né decessi né guariti. La Prefettura di Cremona assegnava al 30 giugno 695 casi positivi nei 19 comuni del Casalasco analizzati; quella di Mantova invece assegnava sempre al 30 giugno 842 casi positivi ai 13 comuni dell’Oglio Po mantovano.

In realtà però gli attualmente positivi sono molti meno: 57 nell’Oglio Po mantovano e 20 nel Casalasco (totale comprensoriale di 77 casi). Il numero più importante è, per fortuna, quello dei guariti: 625 nell’Oglio Po mantovano e 591 nel Casalasco, per un totale che così supera ampiamente la fatidica (e psicologica) quota 1000. In totale abbiamo avuto 1.216 guarigioni. Sempre troppo alto (ma sarebbe stato tale anche con una sola unità) il numero dei decessi, che sono stati 84 nel Casalasco e 163 nell’Oglio Po virgiliano, per un totale di 247 deceduti per (o con) Coronavirus.

Interessante il dato dei comuni Covid-free, ossia dei comuni senza più casi attualmente attivi: sono 3 nella zona virgiliana del comprensorio e 13 nel Casalasco, per un totale di 16 paesi senza più positivi, sempre alla luce dei dati forniti al 30 giugno scorso. Resta inteso che alcuni dati non sembrano precisi al massimo: proprio sui decessi, infatti, ritroviamo cifre considerate da molti comuni sottostimate (a Piadena Drizzona, a Gussola e non solo, per esempio). Dobbiamo però fare riferimento ai dati ufficiali delle due Prefetture e così ci siamo comportati, pur con questa doverosa precisazione.

I DATI SCORPORATI NEI COMUNI CASALASCHI

I DATI SCORPORATI NEI COMUNI MANTOVANI OGLIO PO

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti