Commenta

Viadana, interrogazione
di Perteghella. Covid: 137 operatori
contagiati, 30 decessi in Rsa

“A Viadana sarebbe apprezzabile se il Sindaco convocasse - prosegue Perteghella - un tavolo istituzionale alla presenza dei capigruppo consigliari, Ats, Prefettura, invitando le parti sociali Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confindustria, rappresentanti di categorie quali artigiani e commercianti per capire se sia possibile studiare in concertazione, misure utili".

VIADANA – Sono numeri che fanno riflettere quelli forniti dal sindaco facente funzioni di Viadana Alessandro Cavallari, nella risposta ufficiale dell’Amministrazione comunale viadanese ad una interrogazione presentata dal consigliere Silvio Perteghella circa 60 giorni fa, in merito alla situazione del contagio registrata nel comune viadanese e all’interno dei presidi sanitari. “Il quadro che emerge dalla risposta ufficiale è di quelli che fa accapponare la pelle” commenta Perteghella.

“Se uniamo le notizie emerse nell’ultima settimana in merito agli screening effettuati presso importanti aziende del territorio, che dimostrano come il virus sia ancora presente sul territorio, una riflessione su azioni sanitario-amministrative da intraprendere sia assolutamente utile, necessaria ed inderogabile – prosegue Perteghella -. In sostanza è dimostrato come i punti più a rischio di diffusione contagio siano rappresentati dai presidi ospedalieri, geriatrici, e dalle aziende dove le condizioni interne ambientali ( presenza di umidità o vapore, temperature che si discostano dall’ambiente circostante, con scarso ricambio d’aria naturale) siano quelli più a rischio. Dinnanzi a questo tipo di notizie, quelle apparse inerenti ai nuovi cluster dell’ultima settimana, i Sindaci del distretto non possono restare inermi”.

“A Viadana sarebbe apprezzabile se il Sindaco convocasse – prosegue Perteghella – un tavolo istituzionale alla presenza dei capigruppo consigliari, Ats, Prefettura, invitando le parti sociali Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confindustria, rappresentanti di categorie quali artigiani e commercianti per capire se sia possibile studiare in concertazione, misure utili ed ulteriori rispetto ai protocolli nazionali, al fine di tutelare la salute ed il lavoro nelle grandi aziende, che hanno tipologie ed ambienti produttivi simili a quelli in cui si sono manifestati i contagi nell’ultima settimana. Nella fase storica che stiamo vivendo, è ormai una certezza asserire che esiste un unico filo conduttore che collega le sorti della salute all’ economia, al lavoro ed all’ambiente. È un assoluto  interesse diffuso, pubblico e privato, contenere al meglio le probabilità di contagio all’interno dei luoghi di lavoro”.

“L’utilissimo lavoro di prevenzione – conclude Perteghella, candidato sindaco per Viadana Democratica – svolto da Ats nelle ultime settimane dimostra come un approccio attivo e di screening continuo, possa essere una importante risorsa per la difesa della salute e per allontanare pericolose di misure di “lockdown”, che hanno avuto  effetti collaterali devastanti sull’economia anche nel nostro Comune e nel nostro distretto. Andrebbe inoltre studiato un piano di screening periodico sui soggetti anziani più a rischio (perché affetti da altre patologie), anche con il parziale contributo di risorse comunali per tutelare al meglio la salute degli stessi i più colpiti dalla pandemia”.

LEGGI IL DETTAGLIO COMPLETO DEI NUMERI SU VIADANA

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti