Commenta

Il Covid non ferma il Premio
Viadana: l'amministrazione
va avanti nella proposta

In questi termini l'amministrazione viadanese lancia un segnale volto a cambiare pagina o quantomeno a riconsegnare un po' di serenità con la XXVa edizione del premio che per ovvie ragioni nasce con presupposti particolari

VIADANA – Spiragli di luce o forse bagliori di speranza arrivano anche da quei segnali di quotidianità come un premio assegnato per meriti a chi si distingue e che vede riconosciute qualità e sforzi per migliorare, spesso in ambito sociale e culturale, il quadro della città in cui vive.

In questi termini l’amministrazione viadanese lancia un segnale volto a cambiare pagina o quantomeno a riconsegnare un po’ di serenità con la XXVa edizione del premio che per ovvie ragioni nasce con presupposti particolari: “È con piacere che possiamo confermare ufficialmente lo svolgimento dell’edizione 2020 del Premio Viadana. L’emergenza sanitaria tuttora in corso – si legge nel comunicato stampa -ha stravolto qualsiasi aspetto della vita, generando una situazione di costante incertezza. Come Amministrazione, stiamo ancora affrontando numerose difficoltà, avendo a che fare per la prima volta con un “nemico invisibile”.

È stato necessario, in qualsiasi campo, reinventare se stessi, il proprio modo di approcciarsi alla quotidianità e, in campo amministrativo, l’organizzazione dei numerosi servizi normalmente erogati. Lo stesso è avvenuto per la cultura, a cominciare dalle nuove iniziative proposte durante il lockdown e dalla ripresa graduale e, successivamente, a pieno ritmo di Biblioteca e Museo. In quest’ottica si è resa necessaria, da parte della Giunta, una riflessione a tutto campo anche in merito alla struttura della venticinquesima edizione del Premio che si presenta come un’occasione di ritorno graduale, oltre che giustamente richiesto dalla comunità, al normale svolgimento delle ormai consolidate e apprezzate manifestazioni culturali viadanesi.

Il Comune, organizzatore della rassegna, da alcuni anni ha deciso di avvalersi anche delle professionalità della Biblioteca Comunale per la realizzazione delle varie fasi: contatto con case editrici per onorare la selezione operata dalla Commissione Scientifica presieduta dall’assessore alla Cultura in collaborazione con la figura professionale di alto profilo individuata in Luigi Bedulli e a cui partecipano Antonio Aliani, Gianfranco Bettoni, Benedetta Boni, Alessia Lodi Rizzini e Naiche Moreschi; contatto e presa in carico dell’ospitalità degli autori; allestimenti; gestione degli eventi oltre naturalmente tutte le fasi legate alla loro comunicazione.

Gli appuntamenti fissati per maggio/giugno, che hanno dunque subito uno slittamento, verranno recuperati a fine agosto/primi di settembre, in uno spazio aperto approfittando delle temperature favorevoli e con relative distanze di sicurezza, come da disposizioni ministeriali e regionali vigenti.

Negli ultimi giorni sono state infatti rapidamente ricontattate le case editrici, che hanno con entusiasmo espresso nuovamente la disponibilità degli autori a partecipare, alcuni dei quali nelle date già programmate in primavera. I cittadini viadanesi e non solo potranno beneficiare anche quest’anno di una proposta culturale di respiro nazionale. Risulta significativo che, da parte degli editori, non vi siano state resistenze, anche in questo periodo molto particolare, a riacettare la presenza dei loro autori, già individuati alla fine dell’inverno scorso quando siamo stati travolti dall’emergenza Covid.

Sono dunque confermati gli incontri con: Mauro Corona/Matteo Righetto (data in fase di definizione), Paolo Landi sabato 29 agosto, Experance Ripanti venerdì 4 settembre, Lia Levi domenica 6 settembre, Paolo Di Paolo venerdì 11 settembre.

La votazione si terrà in ottobre in modo da lasciare il congruo tempo per la lettura. Il momento di premiazione sarà, come sempre, stabilito sulla scorta della disponibilità del/della vincitore/vincitrice”.

Alessandro Soragna

© Riproduzione riservata
Commenti