Politica
Commenta1

Focolai nei macelli del mantovano e non solo. Zolezzi (M5S) interroga il Ministero Salute

"Chiedo dunque al Ministro della salute se abbia ulteriori informazioni in merito a quali fattori specifici provochino i focolai da nuovo Coronavirus nei macelli e, anche, il meccanismo con cui il virus opera".

“Mercoledì ho presentato un’interrogazione presso il Ministero della salute riguardo all’aumento di focolai di nuovo Coronavirus, legati alla filiera della carne, che si stanno verificando in provincia di Mantova”, dichiara Alberto Zolezzi (M5S). “Un fenomeno tutt’altro che isolato: in Puglia erano stati riscontrati 71 casi in un macello; in Germania nel mattatoio Tönnies si sono verificati oltre 1533 casi; negli USA i focolai nei macelli sono stati più di 200; e altri focolai sono stati rilevati anche in Irlanda, Francia, Regno Unito, Olanda, Spagna, Canada”.
“L’ipotesi più probabile per la presenza di questi focolai sarebbe imputabile all’elevata densità di lavoratori, unita alla bassa temperatura nei macelli stessi (sotto a 23,1° il virus prolifera), al rumore che impone sforzi e vicinanza per farsi capire, alla presenza di deiezioni animali e sangue. La mia interrogazione vuole fare chiarezza su questo fenomeno, affiancando, al tempo stesso, l’iniziativa del Consigliere regionale lombardo Andrea Fiasconaro, il quale con un accesso agli atti ha chiesto ad ATS Valpadana se siano stati testati gli animali stessi per il virus”.
“Chiedo dunque al Ministro della salute se abbia ulteriori informazioni in merito a quali fattori specifici provochino i focolai da nuovo Coronavirus nei macelli e, anche, il meccanismo con cui il virus opera. Chiedo inoltre, quali eventuali misure precuzionali aggiuntive abbia stabilito e se intenda limitare, in attesa di accertamenti, per il principio di precauzione, le fiere con animali e la presenza di animali nei circhi”, conclude Zolezzi.
redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti