Commenta

Viadana, Dario Anzola stavolta
corre da candidato consigliere
"in appoggio ad Alessia Minotti"

"Questa scelta è determinata anche dal fatto che abbiamo trovato in lei una persona determinata, con un’esperienza politica che, unita alla nostra, la renderà capace di realizzare l’obiettivo di rivoluzionare Viadana per portala a essere la “Nave Ammiraglia” del Distretto Oglio-Po. Abbiamo trovato molti punti di visione comuni".

VIADANA – “Il Grande Fiume, la lista completamente civica attualmente rappresentata in Consiglio Comunale dal consigliere Dario Anzola, si ripresenta per continuare a lavorare sul perseguimento di un unico obbiettivo: che Viadana e le sue frazioni rifioriscano”. Ad annunciarlo è Dario Anzola, che nel 2015 si candidò come sindaco e stavolta invece ha fatto una scelta differente: “Per le prossime Amministrative, Il Grande Fiume non presenterà un ulteriore candidato Sindaco: abbiamo scelto di sostenere Alessia Minotti. Questa scelta è determinata anche dal fatto che abbiamo trovato in lei una persona determinata, con un’esperienza politica che, unita alla nostra, la renderà capace di realizzare l’obiettivo di rivoluzionare Viadana per portala a essere la “Nave Ammiraglia” del Distretto Oglio-Po. Abbiamo trovato molti punti di visione comuni, ma soprattutto condividiamo la capacità di ascolto delle reali esigenze di tutti noi cittadini di Viadana. Per questo ora, Il Grande Fiume favorirà la candidatura di Alessia Minotti alla carica di Sindaco di Viadana, per rigenerare la nostra città.

“Fondamentalmente riteniamo – spiega Anzola – che le nostre frazioni e Viadana abbiano bisogno di essere rigenerate, di poter godere di maggior sicurezza, a vantaggio di noi tutti: questo include il riorganizzare la struttura comunale. Una sicurezza e una rigenerazione che garantisca uno sport più tutelato e che veda il completamento del palazzetto dello sport. Una sicurezza che porti a rigenerare Viadana, con la creazione di una commissione apposita, inclusiva e rappresentativa delle varie categorie. Una sicurezza in supporto al volontariato e alle categorie fragili. Una sicurezza che porti a rifiorire l’ambito scolastico e ad arginare le ulteriori difficoltà che quest’anno si dovranno affrontare. Una sicurezza che porti nuova linfa al mondo imprenditoriale, artigianale e dei commercianti, per generare nuovi posti di lavoro. Una sicurezza che proviene dall’attenzione posta nei confronti dei lavori pubblici, della manutenzione delle strade, della circolazione e della realizzazione delle grandi opere. Una sicurezza offerta ai nostri giovani per creare con loro un reale futuro, che garantisca loro una vita di nuovo dignitosa: per questo occorre aprirsi al dialogo, poiché sono pieni di iniziative e di idee fresche e innovative. Una sicurezza per sostenere e diffondere la cultura viadanese e le associazioni che si impegnano in questo settore. Una sicurezza nel definire un nuovo PGT (l’ex piano regolatore) più a dimensione umana, per reinventare una nuova Viadana che segua le concrete esigenze dei cittadini e non delle vacue ideologie, consentendo loro di vivere bene nella loro città”.

“In questi mesi – conclude Anzola – molte persone si sono avvicinate a quest’area civica, in quanto accomunate dalle stesse idee e valori: sono persone che, come noi, sono convinte che a livello nazionale ognuno abbia una propria collocazione nei partiti di riferimento, ma che a livello locale contino di più le idee, la comunità, le persone e la concreta voglia di fare. Il Grande Fiume è la voce rappresentativa di questo punto d’incontro. Qui c’è posto per tutti coloro che vogliono dimenticare il concetto di politica nel suo senso più negativo, per lavorare insieme verso un obiettivo comune, quello di rigenerare Viadana, nella sua interezza, cioè inclusiva delle sue frazioni“.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti