Ultim'ora
Commenta

Viadana, approvate linee
guida per riapertura asili
nido: segnali di ripartenza

Con l'approvazione in Giunta datata 30 luglio 2020, arriva un nuovo segnale di ripartenza dall'amministrazione attuale circa la volontà di riaprire gli asili nido, ovvero per i bambini nella fascia d'età 0-3

VIADANA – Con l’approvazione in Giunta datata 30 luglio 2020, arriva un nuovo segnale di ripartenza dall’amministrazione attuale circa la volontà di riaprire gli asili nido, ovvero per i bambini nella fascia d’età 0-3.

“Il 6 agosto Regione Lombardia ha infatti pubblicato l’Ordinanza n. 594 ad oggetto “Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 per la ripresa delle attività dei servizi educativi” – si legge nel comunicato inviato dall’Assessore Ilaria Zucchini – , la quale rimanda al Decreto del Ministro dell’Istruzione del 3 agosto 2020 “Documento di indirizzo ed orientamento per la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia” e rimanda, per quanto concerne gli standard strutturali e gestionali dei Nidi d’Infanzia,  alla  DGR n. 2929 del 9.03.2020 ad oggetto Revisione e aggiornamento dei requisiti per l’esercizio degli Asili Nido : modifica della d.g.r 11 febbraio 2005, n. 20588.

La giunta ha dunque potuto ripristinare, seppure con alcuni accorgimenti di carattere organizzativo e metodologico, i parametri gestionali precedentemente in vigore quanto ad apertura del servizio, quindi dal primo settembre, capacità ricettiva, con autorizzazione al funzionamento per n. 60 posti, e orario di servizio, previsto dalle 7:30 alle 16:30.
Anche grazie alla Coordinatrice Alessia Bottoli e tutto il personale educativo, è stato redatto un progetto che ha visto fasi di verifica del servizio stesso. L’anno scolastico partirà, infatti, con alcune novità legate all’emergenza coronavirus, garantendo in ogni caso un’offerta formativa di qualità”. Rimane alta l’attenzione nei confronti della tutela della salute degli utenti, del personale implicato e, quindi, di tutta la comunità.
Ancora una volta, la giunta ha aderito alla misura “Nidi Gratis – Bonus 2020/2021”, a sostegno delle famiglie per facilitare l’accesso ai servizi per la prima infanzia e rispondendo al bisogno di conciliare vita e lavoro.
Per questo nuovo anno educativo, la Misura coprirà la quota di retta mensile che supera la soglia rimborsata dal Bonus Asili Inps, pari a 272,72 euro.
Per ottenere l’azzeramento della retta è necessario avere anche il Bonus INPS Asili Nido seguendo le modalità specificate sul sito dell’ente
La misura è destinata ai nuclei familiari che sostengono una retta mensile superiore all’importo rimborsabile da Bonus Asili INPS, ovvero superiore a 272,72 euro; hanno figli di età compresa tra 0-3 anni; hanno un ISEE inferiore o uguale a 20.000 euro.
La domanda di contributo Nidi Gratis dovrà essere presentata direttamente dalle famiglie attraverso il sistema informativo bandi online di Regione Lombardia a partire dalla data di apertura della relativa procedura.
Per accedere al servizio sarà necessario avere a disposizione la tessera sanitaria CRS/TS-CNS e relativo PIN. In alternativa, sarà possibile accedere tramite profilazione con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, in settembre attraverso il sito della Regione e mediante i canali istituzionali del Comune (sito e app) sarà possibile conoscere la data a partire dalla quale si potrà presentare domanda di contributo.
Oltre agli interventi già avviati, come la sostituzione delle lampade a LED in tutte le scuole e a quelli previsti presso la Scuola d’Infanzia di Cicognara, presso la Scuola Secondaria di Primo Grado dell’I.C. “A. Parazzi” (tra cui la riparazione della copertura e facciata) e presso la Scuola d’Infanzia di Carrobbio, la giunta ha di recente deliberato anche alcuni progetti che prevedono importanti interventi nelle scuole. Nel periodo estivo verranno infatti effettuati i lavori di rifacimento dei bagni dell’Asilo Nido “Crescere” e di manutenzione straordinaria ed implementazione della climatizzazione della Scuola d’Infanzia di Cicognara. Gli interventi, del valore di circa 50.000,00 euro, sono contingenti, atti a garantire il ripristino strutturale ottimale degli ambienti scolastici ed urgenti, in quanto devono essere eseguiti nel periodo in cui le scuole non sono frequentate.
Come accennato nei giorni scorsi, proseguono anche in questi giorni gli incontri con i Dirigenti Scolastici per la ripartenza sicura delle attività didattiche, alternati a sopralluoghi quotidiani negli edifici, con planimetrie alla mano e in tempi strettissimi.
In un clima di grande collaborazione, stiamo lavorando ormai da mesi alla messa a punto dell’organizzazione dell’anno scolastico, degli interventi da effettuare e dei servizi da garantire. Gli spazi non mancano e abbiamo messo in campo tutte le risorse possibili per andare incontro alle esigenze delle scuole.
Stiamo procedendo all’adeguamento e alla valorizzazione degli spazi già presenti a scuola anche con interventi finalizzati a creare spazi supplementari nei numerosi plessi.
È un lavoro impegnativo, che coinvolge molte persone e che potrà tornare utile anche in ottica post-emergenza, perché ci ha permesso di valutare ancora meglio tutte le opportunità di spazi ed esperienze che sono a disposizione della scuola. Ciò permetterà di riaprire le scuole, in presenza, garantendo le misure di sicurezza.
In questo senso è stata approvata la Convenzione d’uso edificio ad uso scolastico “Il Villaggio del Ragazzo”.
Il comune di Viadana ha una dotazione di aule per la scuola primaria e secondaria inferiore storicamente insufficiente alle esigenze e per ospitare le classi dall’anno scolastico 2015/2016 ha dovuto allestire tre classi di scuola primaria dell’Istituto comprensivo Viadana presso il piano primo dell’ex pretura di Via Grossi. A causa dell’emergenza sanitaria in corso, l’esigenza di nuovi spazi è aumentata e la possibilità di avere a disposizione nuove aule per la didattica costituisce un’opportunità da sfruttare al fine di rispettare gli indirizzi sanitari di distanziamento e separazione per la limitazione dei contagi.
La Fondazione “Villaggio del Ragazzo” oltre a realizzare a proprie spese l’intervento di adeguamento e manutenzione straordinaria dell’edificio, ha manifestato la volontà di dare in convenzione come sede scolastica al comune di Viadana l’immobile.
Dopo un’attenta analisi, si è deciso, assieme alla Fondazione e ai Dirigenti Scolastici, di collocare all’interno dell’edificio 5 sezioni di scuola primaria dell’Istituto Comprensivo “Viadana” che attualmente ha carenza di spazi.
Aule, servizi e spazi a disposizione sono idonei, innovativi e funzionali alla didattica.
Il Comune dovrà farsi carico di un canone annuale di 20.000,00 euro per sostenere in parte l’investimento effettuato e le spese generali di funzionamento.
Cogliamo l’occasione per ringraziare sin da ora la Fondazione per aver ristrutturato e riqualificato l’edificio ed averlo messo a disposizione di tutta la comunità.
Sempre relativamente agli spazi aggiuntivi, sono in corso i lavori di adeguamento e sistemazione dell’ex sede Avis di Casaletto, da destinare alla Scuola Primaria del paese”.
Nel comunicato stampa dell’amministrazione viadanese si portano all’attenzione anche realtà scolastiche differenti dagli asili nido come:
“Approvati anche i progetti definitivi per un totale di circa 700.000,00 euro per la prevenzione incendi nella Scuola Secondaria di Primo Grado “A. Parazzi”, Scuola Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado di San Matteo e Scuola Infanzia di Carrobbio.
A seguito delle indicazioni della Prefettura e al fine di evitare la sospensione delle lezioni scolastiche durante le probabili tornate elettorali, si è valutata la possibilità di istituire nuove sedi per i seggi che ancora vengono allestiti nelle scuole (5 su 16 vengono già allestiti in spazi diversi rispetto ai plessi scolastici). In questi giorni verranno effettuati i sopralluoghi con il comando dell’arma locale”.
redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti