Ultim'ora
Commenta

San Martino dall'Argine,
ecco la nuova rampa per
disabili alla chiesa Castello

“Rispetto alla rampa precedente, non c’è paragone, questa rampa è perfetta in ogni dettaglio, facile da fruire anche per un disabile non accompagnato, perché la pendenza è tale da permettere una facile salita. In più ora è illuminata di sera, quindi fruibile a tutte le ore del giorno. Era da tempo che volevamo realizzare questo progetto".

SAN MARTINO DALL’ARGINE – E’ stata finalmente inaugurata la nuova rampa disabili per accedere alla Chiesa Castello. Il progetto riguardava la sistemazione del sagrato, che aveva molti scalini sconnessi e cedevoli, e appunto la costruzione ex-novo di una rampa disabili a norma di legge. Il progetto è stato avvallato anche dalla Soprintendenza, ed è stato realizzato nel pieno rispetto dei materiali e delle indicazioni architettoniche previste. Questo progetto ha avuto un costo di 46.150 Euro, interamente finanziato da Regione Lombardia nell’ambito del bando per i piccoli comuni (40.000 Euro) e Fondazione BAM (6.150 Euro).

Soddisfatto il sindaco Alessio Renoldi, che ha testato personalmente la rampa con la collaborazione di Luisa, una ragazza disabile che da un po’ di tempo svolge un tirocinio presso il Comune di San Martino d/A. “Rispetto alla rampa precedente, non c’è paragone, questa rampa è perfetta in ogni dettaglio, facile da fruire anche per un disabile non accompagnato, perché la pendenza è tale da permettere una facile salita. In più ora è illuminata di sera, quindi fruibile a tutte le ore del giorno. Era da tempo che volevamo realizzare questo progetto, la Chiesa viene sempre di più utilizzata per mostre, eventi musicali, teatrali etc. Era imbarazzante non avere un adeguato accesso per i disabili. E’ stato sistemato anche il sagrato, che era molto sconnesso, e il marciapiede laterale, anch’esso cedevole in vari punti. Ringraziamo di cuore Regione Lombardia e la Fondazione Banca Agricola Mantovana per la sensibilità dimostrata. Per noi sarebbe stato impossibile realizzare questo progetto con fondi propri, soprattutto in una situazione di bilancio molto precaria come la nostra. La vicinanza di enti o fondazioni sono fondamentali per realizzare queste opere. Sono state poste le targhe di ringraziamento proprio all’ingresso della rampa, in modo che anche i cittadini sappiano quali istituti ci hanno aiutato”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti