Ultim'ora
Commenta

Dosolo, quindici lavoratori
irregolari nei campi. E norme
anti-Covid mai rispettate

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno quindi provveduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale ed hanno emesso sanzione amministrative per un ammontare di circa 60.000 euro oltre al recupero contributivo in corso di quantificazione.

DOSOLO – A Dosolo, i militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, congiuntamente ai militari della Compagnia di Viadana, nel corso di un servizio mirato con la task force costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del settore agricolo, nella giornata di martedì hanno denunciato a piede libero il titolare di un’azienda agricola, classe 1957, per numerose irregolarità relative ai lavoratori.

I militari infatti, a seguito di un blitz avvenuto nelle prime ore del mattino di ieri presso un campo coltivato nella frazione di Villastrada, hanno identificato complessivamente 15 lavoratori, di cui 13 in nero (regolari sul territorio nazionale), e due invece sprovvisti di qualsiasi titolo di soggiorno per essere avviati all’attività lavorativa (per i quali sono in corso ulteriori accertamenti). Inoltre per tutti i lavoratori non erano state rispettate le norme sanitarie, in quanto vi era la mancata sottoposizione dei lavoratori alla sorveglianza sanitaria ed inoltre risultavano violate anche le norme anti-contagio covid 19. I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno quindi provveduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale ed hanno emesso sanzione amministrative per un ammontare di circa 60.000 euro oltre al recupero contributivo in corso di quantificazione.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti