Ultim'ora
Commenta

Santa Chiara, rassegna
estiva, domenica documentario
inedito su Fabrizio Merisi

Il documentario è stato realizzato per la sezione video che il Museo Diotti ha costituito alla fine del 2019 grazie ad un progetto che continua ad essere implementato con nuove risorse

CASALMAGGIORE – Il ricco calendario estivo predisposto dall’Associazione Amici del Casalmaggiore International Festival col contributo del Comune, della Fondazione Comunitaria della provincia di Cremona, dell’Azienda Farmaceutica Municipale Srl e della Fondazione Santa Chiara, proporrà domenica 30 agosto la proiezione di un documentario inedito dedicato all’artista Fabrizio Merisi che Emanuele Piseri ha realizzato al termine della mostra Il corpo simbolico, svoltasi al Museo Diotti nell’autunno del 2019. Prendendo spunto da quell’esposizione il video rappresenta in realtà un excursus sulla lunga carriera di Merisi, col valore aggiunto che si tratta del primo documentario che l’artista ha accettato di realizzare su di sé: inutile dire riteniamo un segno di fiducia e amicizia il fatto l’abbia fatto proprio per il Museo Diotti.

Artista di forte spessore intellettuale e concettuale, Merisi è nato a Crespi d’Adda (BG) nel 1937, vive e lavora tra Milano e Castelnuovo del Vescovo (Pescarolo, CR).

Il video costituisce una retrospettiva della produzione dell’artista, dai primi passi tra la controcultura cremonese e il viaggio in Spagna, tra personali e collettive, durante e dopo il ’68, in Europa, tra Milano, Pescarolo e la sua abitazione di Castenuovo del Vescovo e ricostruisce un percorso possibile nel magma delle sue creazioni attraverso le sue parole, quelle dei critici e degli amici. Il filo conduttore è rappresentato dal tema ricorrente del pesce ferito – simbolo della condizione umana – che ha avuto un’evoluzione nel tempo, parallelamente alla formazione del suo personale pensiero e declinato sia in dipinti che in sculture. Sempre con un grande rilievo attribuito alle piccole cose e agli oggetti d’uso e con una scelta di materiali che vengono dalla natura e dal modo del lavoro.

Fra le tante storie confluite nel documentario, realizzato con la consulenza di Valter Rosa e con la voce recitante di Anna Rosa Pogliani, vi sono anche testimonianze dei laboratori didattici svolti da alcune scolaresche cittadine in occasione della mostra al Museo dell’anno scorso. Nel video sono state coinvolte in particolare la classe quarta C della Scuola Primaria Marconi (docente Cristina Carnevali) e le classi terze A B C E G della Scuola Media Diotti (docenti Valeria Battistini e Arianna Colameo).

Il documentario è stato realizzato per la sezione video che il Museo Diotti ha costituito alla fine del 2019 grazie ad un progetto che continua ad essere implementato con nuove risorse. Oltre al video su Merisi saranno prossimamente recuperate anche altre due serate già programmate in primavera e poi necessariamente rinviate: una dedicate alla Patafisica (giovedì 3 settembre) con presentazione di Afro Somenzari e una dedicata al Gruppo Evolventi (martedì 8 settembre) con presentazione di Andrea Visioli. In questi casi saranno presentati estratti dalla ricca documentazione girata nel corso degli anni a Pierluigi Bonfatti Sabbioni.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti