Ultim'ora
Commenta

Sara Cortese, una proposta
sul lavoro per il candidato
sindaco Alessia Minotti

Nella mia esperienza professionale, nata nel pubblico e sviluppatasi poi nel privato, ho potuto toccare con mano i benefici dell’accompagnamento al lavoro dal primo colloquio di orientamento sulla persona al suo successivo inserimento in azienda

VIADANA – Generazione Viadana?, lista civica composta da giovani studenti, lavoratori ed imprenditori viadanesi Under 35 a sostegno della Candidatura a Sindaco di ?Alessia Minotti?, lancia la sua proposta per facilitare l’accesso e il reinserimento nel mondo del lavoro. Si tratta di offrire una risposta concreta al disoccupato e inoccupato, grazie alla creazione di una rete di servizi e di politiche attive del lavoro gia? erogati territorialmente nel territorio viadanese-casalasco da Enti Pubblici e Privati Accreditati alla Regione Lombardia.

Lo “sportello” vuole rappresentare uno strumento d’accesso, di informazione e formazione al mondo del lavoro, tramite l’attivazione di vari servizi e/o misure utili a perseguire tali finalita? attraverso “la presa in carico del cittadino” anche all’interno di percorsi di politica attiva del lavoro. Inoltre vuole rappresentare un servizio di orientamento e inserimento al lavoro per i cittadini viadanesi che ad oggi non hanno modo di usufruire di un servizio similare sul territorio. Lo “?Sportello per il lavoro?” collaborerebbe in piena sinergia sia con il ?NIL (nucleo inserimenti lavorativi), che si occupa con grandi risultati dell’inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilita?, che con lo Sportello “?Informa Giovani?”.

“Un territorio come il nostro necessita? di una maggior attenzione alle politiche lavorative – afferma la Candidata al Consiglio Comunale ?Sara Cortese – Nella mia esperienza professionale, nata nel pubblico e sviluppatasi poi nel privato, ho potuto toccare con mano i benefici dell’accompagnamento al lavoro dal primo colloquio di orientamento sulla persona al suo successivo inserimento in azienda.

I destinatari di questo progetto, che intersecherebbe gli interessi dei cittadini viadanesi a quelli della vicina Casalmaggiore, sarebbero i disoccupati o inoccupati ed in generale i destinatari di misure a sostegno del reddito e non regolarmente iscritti al centro per l’impiego. Un servizio di duplice funzione – precisa Cortese – tanto al servizio del disoccupato, per il quale verrebbe ricercato il lavoro piu? idoneo alle proprie competenze professionali e trasversali, ma anche dell’azienda attraverso specifiche ricerche di informazione (esempio sugli incentivi all’assunzione), ricerca-selezione di personale, attivazione di tirocini extracurricuolari ed attivita? formative.

Il progetto – conclude Cortese – si strutturerebbe nelle seguenti fasi:
• Iscrizione allo sportello – colloquio di primo livello
• Consulenza orientativa – colloquio di secondo livello
• Supporto alla ricerca attiva individuale
• Laboratori di ricerca attiva
• Corsi di formazione professionale
• Corsi per l’acquisizione di competenze di base per la ricerca attiva (esempio corsi d’informatica)
• Incrocio “domanda-offerta”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti