Ultim'ora
Commenta

Alessia Minotti difende
Gaia Zanini: "Lorenza e
Paola, polemica offensiva"

In attesa di scuse ufficiali nei confronti delle nostre candidate, richiamo pertanto ad un dialogo politico basato sui fatti o sui progetti

VIADANA – La presa di posizione delle due rappresentanti del comitato Pari Opportunità di Viadana Lorenza Tizzi e Paola Longari ha suscitato più di una presa di posizione. Essere di bell’aspetto non è una discriminante. Le persone – in questo caso le donne – vanno giudicate nella loro interezza altrimenti il rischio è quello opposto del volerle difendere. A prendere posizione ieri Alessia Minotti, candidato sindaco a Viadana.

“Ho basato tutta la campagna elettorale, e continuerò a farlo, sui criteri che mi hanno sempre contraddistinto nell’arco della mia vita professionale e privata: rispetto e toni moderati.

Tuttavia questa volta ritengo di dover intervenire, in prima persona, per stigmatizzare e per chiedere un’immediata rettifica in merito a quanto dichiarato dalle signore Lorenza Tizzi e Paola Longari. Una posizione, resa pubblica attraverso il quotidiano online Ogliopo News in data 5 Settembre, che non ha nulla a che vedere con la sana “bagarre elettorale” contraddistinta da una corretta, anche se marcata ed alle volte muscolare, contrapposizione di idee e progetti.

Ho trovato l’intervento delle due componenti della Commissione Pari Opportunità offensiva e ghettizzante oltre che mistificante. La mia Candidata al Consiglio Comunale presa di mira, ovvero Gaia Zanini (noi non abbiamo problemi a fare i nomi e non sentiamo la necessità di nasconderci dietro sibilline illazioni), è una ragazza recentemente laureatasi con successo e da anni impegnata in mansioni lavorative, recepite con regolare partita iva, che le hanno permesso di pagarsi in parte gli studi.

Contestualmente Gaia, ragazza educata, studiosa ed armata da una forte vocazione civica, si è sempre contraddistinta per la sua disponibilità verso la sua comunità. Cosa vi sarebbe di amorale o quali cattivi input starebbe mandando in questa campagna elettorale? Per quale motivo le due Signore hanno dovuto far passare Gaia (peraltro una delle due persone in questione è una professoressa che pur non avendola avuta come studentessa la conosce bene e per anni ne ha incrociato lo sguardo nel medesimo istituto), solo perchè ragazza molto carina, come una sorta di manichino utilizzato per superficiali obiettivi elettorali?

Un comportamento ed un’etichetta che da donna e da mamma mi ha profondamente ferita. Io rifiuto categoricamente questa tipologia di dialettica politica e, pur non avendo mai voluto cogliere le provocazioni, ritengo corretto, in qualità di referente politico, di dover specificare che saranno accettati gli attacchi politici ma non le illazioni di carattere personale. L’articolo citato infine, a firma Vincenzo Corrado, non è frutto di un comunicato composto da dichiarazioni di Zanini, bensì di un approfondimento voluto dalla Gazzetta di Mantova sul quale Gaia, con nulla al mondo da nascondere, ha deciso con garbo e gentilezza di rispondere. Nessun mitomanismo o sottile messaggio subliminale politico: per queste ragioni trovo l’appellativo ‘vallette’, riferito alle ragazze ed alle donne presenti nei nostri incontri, sia fortemente offensivo e di ingiustificata crudeltà.

In attesa di scuse ufficiali nei confronti delle nostre candidate, richiamo pertanto ad un dialogo politico basato sui fatti o sui progetti e, se non fosse ancora sopita la fiamma dell’astio, chiedo cortesemente a chiunque abbia voglia di effettuare attacchi politici o personali, di rivolgersi a me direttamente.

Ps. Con il solito sorriso, invito con la voglia di distendere ogni animo, Lorenza Tizzi e Paola Longari a partecipare a qualche nostro incontro in calendario nei prossimi giorni: potranno appurare ed apprezzare come, in un clima volutamente informale, si tratti di appuntamenti caratterizzati dal confronto, dalla pluralità e soprattutto da un marcato amore per la nostra comunità…”

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti