Ultim'ora
Commenta

Elezioni a Viadana: la consulta
viadanese del volontariato
organizza per il 7 il confronto

L’auspicio è di costruire spazi di dialogo tra realtà associative ed ente locale, nel rispetto del principio della sussidiarietà promosso dalla Costituzione italiana. Nel corso della serata i cittadini presenti avranno la possibilità di suggerire domande di pubblico interesse.

VIADANA – In vista delle imminenti elezioni amministrative, la Consulta del volontariato viadanese invita Nicola Cavatorta, Alessia Minotti, Lorenzo Gardini, Silvio Perteghella e Fabrizia Zaffanella a un confronto pubblico. L’appuntamento è fissato per le 21 di lunedì 7 settembre nel giardino davanti al Muvi (via Manzoni, Viadana). In caso di maltempo, l’incontro si svolgerà presso la Sala Multifunzionale della cooperativa sociale Palm W&P (via Codisotto 8, Buzzoletto). Obbligatori l’utilizzo della mascherina e il rispetto delle misure di distanziamento sociale.

Gli ospiti hanno già confermato la loro presenza. «Il nostro principale obiettivo – dichiara la Consulta – è avviare una possibile sinergia con la futura amministrazione, a vantaggio della comunità, con un occhio particolare alle componenti più fragili e bisognose di aiuto». L’auspicio è di costruire spazi di dialogo tra realtà associative ed ente locale, nel rispetto del principio della sussidiarietà promosso dalla Costituzione italiana. Nel corso della serata i cittadini presenti avranno la possibilità di suggerire domande di pubblico interesse.

La Consulta – operativa dal 1998 e oggi presieduta da don Paolo Tonghini – è una “associazione di associazioni”. La onlus è assolutamente autonoma e apartitica, e raggruppa liberi cittadini di diversi orientamenti politici, accomunati dalla ricerca del bene comune. Alla Consulta sono affiliati 26 sodalizi operativi in vari ambiti (sociale, ambientale, culturale, assistenziale), che rappresentano centinaia di volontari. Finalità della Consulta è far conoscere e valorizzare l’attività delle associazioni, metterle in rete per progetti di collaborazione, ideare iniziative non attivabili dalla forza delle singole associazioni, interloquire con gli enti locali sui bisogni e le progettualità per il territorio.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti