Ultim'ora
11 Commenti

Accordo Open Fiber e Tim
per la fibra ottica: una buona
notizia per il "caso limite" Bozzolo

Da un lato dunque Open Fiber, che ha completato il 90% della linea e delle connessioni, lasciando però scoperto, ad esempio, il Villaggio Traldi, al quale però avrebbe pensato Tim, che ha operato - come detto in contemporanea e in parallelo appunto - su buona parte del territorio comunale. Ora è giunto l'accordo tra i due colossi.

BOZZOLO – Tra i due (ex) litiganti sta a vedere che alla fine gode Bozzolo. Che rappresenta un caso limite a livello nazionale. Il comune del comprensorio, infatti, sin qui si era ritrovato in mezzo ad una battaglia incrociata che in ogni caso, nel nome della concorrenza, può solo fare bene agli utenti, ossia ai cittadini. La sfida è quella tra i colossi della fibra ottica: Open Fiber contro Tim. La prima ha fatto la mossa iniziale, cominciando a porre i cavi sotterranei per la linea veloce già nel 2018. Tim, tuttavia, non si è lasciata intimorire, e ha lavorato al proprio percorso, in parallelo. Da un lato dunque Open Fiber, che ha completato il 90% della linea e delle connessioni, lasciando però scoperto, ad esempio, il Villaggio Traldi, al quale però avrebbe pensato Tim, che ha operato – come detto in contemporanea e in parallelo appunto – su buona parte del territorio comunale.

La notizia delle scorse ore parla di un accordo sottoscritto da Open Fiber e Tim. Si tratta di un importante passo in avanti verso la costituzione della rete unica nazionale: il CdA di TIM ha approvato la lettera d’intenti con CdP per la fusione tra FiberCop e Open Fiber. L’intesa sarà firmata a breve dall’AD di TIM Luigi Gubitosi e prevede che TIM detenga il 50,1% delle quote di AccessCo (la nuova rete unica nazionale), pur garantendo una governance condivisa con Cassa Depositi e Prestiti. Propedeutico alla fusione, si legge sui media specializzati, sarà il conferimento in FiberCop da parte di TIM della rete primaria. Ora la palla passa alle autorità competenti, che dovranno esaminare tutte le documentazioni per approvare l’operazione. Se tutto procederà senza intoppi, il closing avverrà entro marzo 2021. E Bozzolo, caso limite in cui due ex concorrenti hanno operato, potrà soltanto giovarne.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti