Ultim'ora
Commenta

Bonus 110%, 80 persone
collegate col Centro Negri
di Bozzolo per capirne di più

Ad entrare nel vivo della questione il commercialista Roberto Marchini che ha insistito sulla eccezionalità dell’offerta arrivata da uno Stato che di solito è abituato a prendere piuttosto che dare

BOZZOLO – Notevole partecipazione mercoledi sera alla videoconferenza organizzata presso il Centro Servizi Negri di Bozzolo per affrontare l’argomento dell’Ecobonus 110%.

Quasi un’ottantina, tra imprese e privati, coloro che si sono collegati dal casa o dal proprio ufficio grazie al servizio on line garantito dal tecnico Amedeo Donini. Introdotto dal tributarista Fabio Negri, ad aprire i lavori, alle 21 in punto, il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio il quale nell’accennare alle agevolazioni fiscali e alle novità del Piano generale di territorio ha sottolineato la necessità di investire su giovani e infrastrutture per favorire la ripartenza economica del Paese.

Ha quindi parlato l’assessore al bilancio di Bozzolo Rossano Vitale fornendo i numeri degli immobili presenti e dei relativi proprietari per i quali l’offerta dell’ecobonus sicuramente rappresenterà un’attrazione a cui difficilmente si potrà sfuggire.

L’avvocato Gisella Rabbi, in qualità di funzionario di banca di rilevanza nazionale a proposito delle condizioni finanziarie proposte dagli Istituti di credito ha suggerito di prestare molta attenzione diffidando da proposte aleatorie.

Ad entrare nel vivo della questione il commercialista Roberto Marchini che ha insistito sulla eccezionalità dell’offerta arrivata da uno Stato che di solito è abituato a prendere piuttosto che dare, definendo l’operazione quasi un ‘sogno di fine estate’.

Effettivamente una proposta irripetibile quella di poter riqualificare dal punto di vista energetico le abitazioni senza spendere nulla e addirittura incamerando il 10% in più dei costi sostenuti. Naturalmente parecchie sono gli adempimenti a cui sottoporsi (si parla di circa 40 documenti differenti) affidandosi a tecnici ed esperti, le cui parcelle comunque rientreranno sempre nel credito d’imposta da recuperare in cinque anni.

Con la possibilità di cedere il credito fiscale a soggetti privati, banche, assicurazioni o alle stesse aziende procedenti alla riqualificazione attraverso installazione di pannelli fotovoltaici, sostituzioni caldaie o impianti di climatizzazione al fine di migliorare di almeno due passaggi la classe energetica dell’edificio.

Diverse i dettagli burocratici e fiscali da conoscere prima di affrontare l’investimento e per i quali già è a disposizione il Centro Servizi Negri di Bozzolo. Una struttura di consulenza che per l’occasione ha annunciato l’apertura di un Osservatorio di Mercato composto da esperti per cogliere tutte le novità sul mondo della finanza agevolata e del credito proponendo soluzioni ideali e personalizzate.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti