Ultim'ora
Commenta

Viadana, Fratelli d'Italia
parla di sanità. E oggi è il
giorno di Ignazio La Russa

Per Viadana, nello specifico è necessario la riapertura totale della riabilitazione, concludere il cammino iniziato con il POT con al suo interno la degenza di comunità (una struttura intermedia tra l'assistenza domiciliare e quella ospedaliera)

VIADANA – Oggi alle 19 appuntamento in piazza Matteotti: ci sarà un intervento del senatore ed ex ministro Ignazio La Russa e a seguire si intratterrà con i cittadini Viadanesi presso il bar Pinky di via Grossi. Scenderà in campo a sostegno della Lista di Fratelli d’Italia e del candidato sindaco Nicola Cavatorta.

Tra i vari propositi della lista Fratelli d’Italia Viadana diversi sono nel campo della sanità.

Molte sono le problematiche che l’utenza pone, ad esempio i tempi di attesa lunghi per prestazioni o la difficoltà reale ad avere visite specialistiche in ambulatori pubblici. Le cause sono in parte la difficoltà a reperire medici, in parte una migliorabile gestione delle due ASST del nostro territorio Oglio Po. Le richieste di prestazioni sanitarie e diagnostiche, spesso pretese al di la della clinica e quindi della reale necessità, fa posticipare, per il numero elevato di richieste, a mesi successivi un esame e può diventare non più utile.

Inoltre se consideriamo i numerosi accessi impropri in Pronto Soccorso e l’uso non corretto del 118, si capisce che le risorse dell’emergenza sono limitate e possono nascere disservizi. La salute pubblica va garantita con certi standard e organizzata con Progetti chiari, fattibili e realizzabili. Chiarire bene i ruoli delle figure e istituzioni che si occupano sul territorio di Sanità sarebbe già un buon inizio.

Per Viadana, nello specifico è necessario la riapertura totale della riabilitazione, concludere il cammino iniziato con il POT con al suo interno la degenza di comunità (una struttura intermedia tra l’assistenza domiciliare e quella ospedaliera) e organizzare i medici di medicina generale in AFT (aggregazioni funzionali territoriali). Tutto questo, in collaborazione con i servizi sociali del comune e le varie realtà di volontariato, agevolerebbe la quotidianità della nostra comunità e restituirebbe a Viadana il suo ruolo di centalità.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti