Cronaca
Commenta

Lombardia, consiglieri pentastellati critici verso la giunta Fontana

Effetto Covid-19 in Lombardia, 1080 nuovi casi.  E' di nuovo polemica al Pirellone tra i consiglieri regionali pentastellati  e la giunta Fontana: “La curva dei contagi cresce in maniera allarmante sottolinea il consigliere grillino Marco Degli Angeli - , ma Fontana preferisce la propaganda e la polemica con il governo.

Effetto Covid-19 in Lombardia, 1080 nuovi casi.  E’ di nuovo polemica al Pirellone tra i consiglieri regionali pentastellati  e la giunta Fontana: “La curva dei contagi cresce in maniera allarmante sottolinea il consigliere grillino Marco Degli Angeli – , ma Fontana preferisce la propaganda e la polemica con il governo.

Sono particolarmente preoccupato – conferma il consigliere regionale M5S –  e lo sono per due principali motivi: prima di tutto per l’incremento di casi in Lombardia. Secondariamente perché a gestire questa seconda ondata ci sono gli stessi che hanno già mostrato la loro inadeguatezza e inefficienza nel gestire la prima, e che ora saranno chiamati a farlo con le medesime modalità. Il riferimento a Fontana e Gallera è del tutto casuale”. Sono le parole di Marco Degli Angeli, consigliere regionale del M5S Lombardia, che nel parlare della giunta regionale coglie l’occasione per precisare come “oggi il presidente Fontana, dopo che per mesi ha evitato di esporsi, ovvero di dare delucidazioni in merito agli scandali e agli scivoloni che hanno colpito la sua amministrazione, torna a farsi sentire”.

Uno dei temi maggiormente dibattuti riguarda il legame e le competenze tra lo stato centrale e le Regioni:

“Gli intenti del Governo sono quelli di collaborare con le Regioni. Passo per passo. La speranza, quella di Degli Angeli, era quella di poter ascoltare un intervento costruttivo con decisioni e linee guida solide. “Invece – precisa Degli Angeli – abbiamo ascoltato un disco rotto, come al solito. La solita polemica, a favore di propaganda contro il governo. Un teatrino stucchevole – chiosa Degli Angeli -, che va avanti dallo scorso marzo”.

Parola d’ordine, quella di regione Lombardia, autonomia. Sì, ma quando fa comodo. E se Fontana serve il piatto caldo, Degli Angeli non perde l’occasione: “Vorrei ricordare al presidente, anche se quando gli fa comodo finge di non ricordarselo, che è proprio lui a governare in piena autonomia la materia sanitaria della nostra regione . Bene – esclama perentorio il consigliere M5S – che inizi ad usare gli strumenti che già ha, ma senza far figuracce come quella fatta con i vaccini senza autorizzazione Aifa. La smetta di lamentarsi, dal momento che a livello normativo ha tutti i mezzi per farlo e prenda delle decisioni. Serie. Concrete. Oneste. Comprendo, del resto, che prendere delle responsabilità sia complesso, come oneroso sia il fatto di governare. Infatti – conclude Degli Angeli – bisogna essere in grado di farlo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti