Ultim'ora
Commenta

Cardiochirurgia e chirurgia
vascolare, Poma 'declassato'
Forattini (PD): "Inaccettabile"

“Dobbiamo dare una risposta ai cittadini in termini qualitativi – concludono Forattini e Fiasconaro - basta impoverire il nostro ospedale che è il punto di riferimento per l’intero territorio! Si individuino strutture alternative”

“Regione Lombardia deve assolutamente tornare sui suoi passi e rivedere la decisione deliberata ieri, secondo cui il Poma non è più un hub di riferimento per la Chirurgia Vascolare e la Cardiochirurgia”.

È con queste parole che la consigliera regionale del Pd Antonella Forattini, insieme al collega del M5S Andrea Fiasconaro, raccolgono il grido d’allarme lanciato oggi sulla stampa dal primario del 118 in merito alla delibera con cui la direzione generale Welfare di Regione Lombardia chiede agli ospedali hub Covid di ridurre del 70-80% l’attività di ricoveri programmati e riconvertire le sezioni di degenti.

“Scriveremo all’assessore Giulio Gallera e al direttore generale Marco Trivelli, perché si tratta di una decisione troppo pericolosa per il nostro territorio – dicono i consiglieri – Ricordiamo a questa giunta che l’Ospedale Poma, con la delibera 2906 dello scorso marzo, è stato indicato come centro stroke e centro per le emergenze cardiologiche interventistiche, l’unico della nostra provincia”.

“Dobbiamo dare una risposta ai cittadini in termini qualitativi – concludono Forattini e Fiasconaro – basta impoverire il nostro ospedale che è il punto di riferimento per l’intero territorio! Si individuino strutture alternative”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti