Ultim'ora
Commenta

Rivarolo Mantovano, comune
green: 20 piante messe
a dimora per i nuovi nati

Per tale motivo gli alberi scelti sono autoctoni: 15 maribolani e 5 meli selvatici

RIVAROLO MANTOVANO – A Rivarolo Mantovano, ogni nuovo albero messo a dimora nella Giornata Nazionale omonima, che si celebra il 21 novembre di ogni anno solare, avrà un nome: quello del neonato o del bimbo adottato al quale è dedicato.

L’iniziativa prenderà forma sabato 21 novembre 2020 con la messa a dimora di 20 alberi, tanti quanti sono i bimbi nati e registrati all’anagrafe comunale nel 2019. Si concretizza così la Deliberazione della Giunta municipale n.59/19, assunta nel maggio dello scorso anno, poco prima del rinnovo elettorale.

Ad ogni nuovo albero sarà appeso un cartiglio in legno, inciso a laser, riportante il nome e la data di nascita o di registrazione all’anagrafe comunale, in caso di adozione. Analogo cartiglio verrà consegnato alle famiglie di appartenenza.

Per legge, sono tenuti ad attuare l’iniziativa i Comuni con popolazione residente superiore ai 15.000 abitanti: obbligo introdotto dalla Legge n.10/2013 che modifica la precedente Legge Cossiga-Andreotti n.113 del 29 gennaio 1992. Il Comune di Rivarolo non è quindi tenuto ad assolverne gli obblighi; tuttavia l’amministrazione comunale ha ritenuto di dover aderire ai principi generali ispiratori della Legge stessa che promuove la salvaguardia del patrimonio arboreo nazionale e lo sviluppo del verde urbano, coniugandoli con la tutela della biodiversità floreale che l’Ente locale sostiene con l’iniziativa “Comune amico delle api”.

Per tale motivo gli alberi scelti sono autoctoni: 15 maribolani e 5 meli selvatici che saranno piantati rispettivamente nel “Campo delle Api”, a Rivarolo Mantovano (adiacenze del canale di irrigazione che delimita la zona artigianale) e lungo la Strada comunale del Ponterotto, a Cividale, denominata altresì “Strada delle Api”, per i recenti interventi coltivi attuati dall’amministrazione comunale in favore degli insetti impollinatori.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti