Cronaca
Commenta

Annamaria Piccinelli: "Basta mezzi pesanti in transito in Vicomoscano"

Purtroppo pare che addirittura il problema sia destinato a peggiorare di molto perché la Provincia ha già destinato la strada che attraversa Vicomoscano al passaggio all’ANAS

CASALMAGGIORE – Basta camion, basta traffico pesante a Vicomoscano. Si faccia rispettare il fatto che i mezzi pesanti dalla frazione non possono passare. A chiederlo accoratamente la consigliera d’opposizione Annamaria Piccinelli (Vivace e Sostenibile).

“Non si può pensare – spiega – di voltarsi dall’altra parte di fronte a una frazione martoriata da bilici che giorno e notte passano a un metro dalle case, su una strada strettissima e attraversata dai bambini per andare a scuola.

Per risolvere questa grave situazione il sindaco Toscani aveva avviato intese davvero importanti, trovati quasi 6 milioni di euro (11 miliardi di lire) e realizzata la bretella che va dalla sabbionetana a Quattrocase. Si era in questo modo anticipata la realizzazione di una parte di tangenziale, senza aspettare i tempi della TiBre (e con senno di poi, fu una felice intuizione).

Un grande sforzo politico e economico che tuttavia ha trovato un grande punto di debolezza nella realizzazione scadente della strada che è risultata, poco dopo, piena di cedimenti su un tratto di 2 km.

Da qui è derivato un altro problema: il fatto che non fu più possibile, come prevedeva l’accordo iniziale, passare la bretella in gestione alla Provincia. Credo che la ragione per cui non si intervenga, in modo deciso, a risolvere un problema apparentemente semplice, come impedire il passaggio dei camion a Vicomoscano, sia proprio questo: se i camion passassero su quella bretella la devasterebbero, con un grave danno per il Comune.

Purtroppo pare che addirittura il problema sia destinato a peggiorare di molto perché la Provincia ha già destinato la strada che attraversa Vicomoscano al passaggio all’ANAS. Questo comporterà il rischio concreto che venga del tutto tolto il divieto di transito per i camion (frutto di un accordo tra Comune e Provincia).

Come annunciato sui social, ho presentato una interpellanza per sapere come intende muoversi l’amministrazione per scongiurare questa evenienza. E’ assurdo che diventi statale una strada che attraversa un centro abitato e rimanga comunale quel tratto di tangenziale che invece dovrebbe supportare tutto il traffico pesante. Si sta pensando a imbastire una permuta gestionale come quella che si era avviata con la Provincia?

Dopo di che, credo che gli altri interventi siano semplici. Il divieto deve diventare assoluto o “eccetto autorizzati”, senza le eccezioni che si leggono sotto al divieto stesso; i cartelli devono essere visibili, non come ora, e i permessi mirati ai camion (una decina al giorno circa) che devono necessariamente passare.
Dodici anni fa il Comune ha trovato sei milioni per la gronda.

Oggi i milioni pare ci siano già, disponibili. Sottolineo “pare” e mi riferisco, torno inevitabilmente su quanto già detto, al Piano Marshall regionale che sembra abbia qualche decina di milione non ancora destinati. Ma bisogna starci alle costole, pretenderli, esigerli per la nostra tangenziale. Tutta la tangenziale e a maggior ragione per il rifacimento del tratto ammalorato per il quale si prevedono circa 500.000 euro di spesa, una briciola rispetto alle cifre stanziate dal Piano. Perché il Comune non ha candidato a questi finanziamenti la tangenziale e in particolare il tratto della gronda di Vicomoscano? Lo faccia ora”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti