Ultim'ora
Commenta

Lodo Italgas a Viadana,
Federici: "Votato un debito
fuori bilancio d 5,3 Milioni"

Per essere precisi le amministrazioni Pavesi nel 2009 e successivamente Penazzi 2011 e 2012 hanno invece il merito di aver portato il comune ad incassare 500.000 euro in più ogni anno per la concessione della rete gas

VIADANA – Non si placa, anzi la sensazione sembra essere di segno opposto, la polemica viadanese in merito ala questione Italgas con il consigliere di opposizione, Nicola Federici, PD, che rincara la dose rispetto a quanto già detto da Fabrizia Zaffanella: “Per 5 anni ed in campagna elettorale abbiamo sentito come un disco rotto l’amministrazione pavoneggiarsi per aver diminuito il debito del comune di meno di 2 Milioni di euro pagando decine di migliaia di euro di penali per chiusura anticipata. Dopo poco più di 2 mesi dal voto sabato hanno votato per inserire a bilancio un DEBITO FUORI BILANCIO di 5,3 MILIONI che sarà finanziato da un mutuo da 3.000.000 (TRE MILIONI) ma non per fare una scuola, una strada o un secondo Palasport ma per coprire un debito che poteva essere gestito molto meglio negli anni passati”.

“Certo  – continua Federici – responsabilità che vengono dal passato ma bisogna essere precisi da quando partono e se si va vedere la cronologia dei fatti da settembre 2014 e successivamente da dicembre 2015 quando viene presentata la perizia dal CTU ed ad amministrare c’è già la maggioranza leghista. In quel momento doveva partire una strategia per trovare una transazione con Italgas che sarebbe costata poco e niente alle casse del comune. Per essere precisi le amministrazioni Pavesi nel 2009 e successivamente Penazzi 2011 e 2012 hanno invece il merito di aver portato il comune ad incassare 500.000 euro in più ogni anno per la concessione della rete gas oltretutto rispettando ciò che la legge gli aveva imposto cioè di mettere a gara la rete – conclude Federici -, come il dirigente Sanfelici ha ben spiegato sabato in consiglio comunale”.

A. S.

© Riproduzione riservata
Commenti