Ultim'ora
Commenta

Lodo Italgas, Cavatorta
risponde all'opposizione, a
Viadana aumenta la polemica

Sulla legittimità o meno dell'operazione invito pure i consiglieri che non ne sono conviti ad inviare alla corte dei conti la documentazione, ricordando loro però che questa prassi viene fatta d'ufficio per ogni debito fuori bilancio

VIADANA – La questione Italgas e le conseguenze che avrà sulle casse del comune viadanese è divenuto tema centrale della scena politica locale. Le forze di opposizione, con i loro attacchi, hanno sollecitato una presa di posizione del Sindaco Nicola Cavatorta che è giunta puntuale: “A seguito del consiglio comunale di sabato ci tengo a precisare che nulla di catastrofico accadrà ai cittadini. L’ambito nella quale è stata effettuata questa operazione – sottolinea il primo cittadino viadanese – è quello relativo ai dettami di legge che regolamentano queste situazioni.  Il fatto di saldare il debito con Italgas, non porterà alcun impoverimento per la città di Viadana. Inutile precisare che la variazione di bilancio così come la richiesta del mutuo è stato un lavoro che ha impegnato incessantemente in queste settimane gli uffici che ringrazio, così come per i pagamenti in ordine cronologico che non sono mai cessati e anzi ora possono andare avanti in modo più spedito, prevedendo come prossimi passaggi, un auspicabile sblocco del pignoramento. I soldi e le coperture ci sono, il mutuo è stata una necessità fortemente criticata da una minoranza che ha fatto largo uso, quando governava Viadana, di questo strumento, oltretutto in periodi storici in cui vi erano meno vincoli e maggiori risorse. Noto che da un lato si è criticata l’estinzione dei mutui e debiti pregressi, quando questo era fatto negli anni passati, e dall’altro si invoca il timore per l’accensione del primo mutuo da almeno sei o sette anni. Di certo non è stato un vezzo, ma una necessità dettata da una sentenza e soprattutto dalla volontà di risolvere una problematica sorta prima del commissariamento del comune. Se le elezioni le avessero vinte le minoranze avrebbero fatto uguale se dotate di buonsenso, nonostante abbiano votato in modo contrario mettendo addirittura in discussione il parere favorevole dei revisori dei conti. Sulla legittimità o meno dell’operazione invito pure i consiglieri che non ne sono conviti ad inviare alla corte dei conti la documentazione, ricordando loro però che questa prassi viene fatta d’ufficio per ogni debito fuori bilancio”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti