Ultim'ora
Commenta

Addio a Mario Cozzini:
Casalmaggiore piange il re
del legno (e una vita per il Rotary)

Cozzini ha inoltre fatto parte del Rotary Casalmaggiore Viadana Sabbioneta ed è stato tra i fondatori, nel marzo 1995 del Rotary Casalmaggiore Oglio Po, del quale è stato il primo presidente. Fino al 2 novembre era presenza fissa al Bar Royal assieme agli amici di sempre: una tradizione rinnovata negli anni.

CASALMAGGIORE – Casalmaggiore piange un imprenditore capace e umile, spentosi nelle ultime ore dopo una lunga malattia. E’ morto Mario Cozzini, 88 anni: il padre aveva fondato la falegnameria in via Zuccari Fermo, divenuta una istituzione in città e capace di lasciare la propria impronta in diversi edifici e costruzioni del Casalasco. Mario, che aveva tre fratelli, mantenne poi per sé il ramo del commercio della legna e articoli affini, costruendo anche un capannone in via Beduschi con relativo negozio. Cozzini ha inoltre fatto parte del Rotary Casalmaggiore Viadana Sabbioneta ed è stato tra i fondatori, nel marzo 1995, del Rotary Casalmaggiore Oglio Po, del quale è stato il primo presidente. Fino al 2 novembre era presenza fissa al Cafè Royal assieme agli amici di sempre: una tradizione rinnovata negli anni. Poi le sue condizioni sono peggiorate, portando al ricoverato all’Aragona di San Giovanni in Croce fino all’epilogo delle scorse ore.

Vanni Raineri, attuale presidente del Rotary Casalmaggiore Oglio Po, lo ricorda: “Anche se non mi aveva presentato lui al club, fu lui a spiegarmi cosa fosse il Rotary e quale fosse la sua funzione. Era dunque, per me e quelli della mia generazione, un vero e proprio punto di riferimento, e per questo sentiamo molto la perdita. Anche da casa Mario aiutava il club, quando la salute non gli consentiva di partecipare alle riunioni, stampando opuscoli oppure offrendo un aiuto per quello che poteva”. I funerali di Mario Cozzini, a cura delle Onoranze Funebri Roffia, saranno celebrati sabato alle ore 10.30 nella chiesa di San Francesco, partendo dall’abitazione di via Zuccari Fermo, dopo di che la salma sarà tumulata al cimitero casalese. Ad annunciare la morte sono i figli Patrizia con Fabio, Tiziana con Vanni, Antonella con Ettore, Giampietro con Giaele, il fratello Carlo, le cognate, i nipoti, i pronipoti e parenti tutti. La famiglia ringrazia Amina e tutto il personale del reparto Day Hospital Oglio Po per le cure prestate.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti