Ultim'ora
Commenta

Forte terremoto in Croazia,
la "coda" della scossa avvertita
anche nel comprensorio

La zona mantovana è stata più colpita di quella casalasca, anche perché più vicina geograficamente al Veneto, dunque alla parte più orientale dell’Italia, confinante con la Croazia. Nessun problema comunque, ma soltanto - come detto - una “coda” e un po’ di suggestione.

I lampadari hanno “ballato” attorno alle 12.20 di martedì anche nel comprensorio Oglio Po, come diversi residenti della zona hanno testimoniato in tempo reale su Facebook. Il terremoto con epicentro in Croazia, a Pretrinja, non lontano da Zagabria, è stato avvertito infatti anche in Italia: e se la costa est è stata più colpita, per vicinanza, con il sisma percepito in modo nitido a Trieste così come a Napoli, ecco che pure il comprensorio casalasco-viadanese ha avvertito una “coda” della scossa.

Il sisma, stando alle prime notizie che giungono dalla Croazia, sarebbe stato di intensità 6.4 sulla scala Richter, superiore – per intenderci – al 6.1 registrato nel sisma dell’Emilia Romagna nel maggio-giugno 2012. La zona mantovana è stata più colpita di quella casalasca, anche perché più vicina geograficamente al Veneto, dunque alla parte più orientale dell’Italia, a sua volta adiacente al Friuli Venezia Giulia, confinante con la Croazia. Nessun problema nel comprensorio Oglio Po, comunque, ma soltanto – come detto – una “coda” e un po’ di suggestione.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti