Ultim'ora
Commenta

Via delle Giuggiole, vespasiano
a cielo aperto. Una residente:
"Non ce la facciamo più"

Chi ci segnala il problema è stanca di continuare a combattere per vivere in maniera tranquilla nella propria abitazione. Ed è pronta alla denuncia. E lei stessa a dircelo, spiegandoci che almeno resterà qualcosa agli atti

CASALMAGGIORE – E’ la via più stretta della città. Un piccolo viottolo che collega via Porzio a via Cairoli. 5 famiglie (quattro con accesso diretto dalla strada ed una con una porzione di casa che guarda all’interno. Ma è anche una di quelle strade diventate invivibili. Scarsa illuminazione, rifiuti di ogni genere abbandonati e – da qualche tempo – pure ‘Vespasiano’ per incontinenti di liquidi e solidi. Due giorni fa una delle residenti ha ripreso in un video il protagonista di una defecata in piena regola.

“Ho ripreso il non signore che vedete nel video – ci spiega mostrandoci il breve filmato – mentre defecava a fianco della casa dei miei vicini. Ho fatto segnalazione ai carabinieri e al sindaco. I primi mi hanno risposto che per sporgere denuncia bisogna conoscerne le generalità e coglierlo il flagranza di reato, il secondo invece ha detto “robe da matti, lo ha riconosciuto?”.

Sulla via gravano due lampioni, oltre che qualche luce dei residenti. Uno dei lampioni è rotto da tempo, e non è mai stato aggiustato. “Sono 3 anni – prosegue la residente – che abbiamo il lampione su via Porzio spento e segnaliamo senza ricevere alcun riscontro se non che procederanno. La strada è sempre sporca, piena di immondizia che gettano a terra oltre quella abbandonata a fianco del cestino, ci sono deiezioni animali sempre, oltre a quelle umane. Persone ubriache che orinano indisturbate anche di fronte a mia figlia di 15 anni, ubriachi che vomitano ovunque, gente che si scambia qualcosa approfittando del buio. Ho segnalato più volte questi comportamenti ma non sono mai stati presi reali provvedimenti. Abbiamo installato due luci davanti alla nostra abitazione che paghiamo noi, per illuminare una strada pubblica. Cosa dobbiamo fare ancora per farci ascoltare?”.

Intanto proviamo a scriverne, magari può servire a qualcosa. Il problema di via delle Giuggiole è che è percorribile solo a piedi e ciò che è problematico per il controllo diventa occasione ghiotta per la maleducazione e la mancata osservazione delle regole. Peraltro è una di quelle strade discretamente distanti dal centro cittadino, poco controllata e controllabile.

Chi ci segnala il problema è stanca di continuare a combattere per vivere in maniera tranquilla nella propria abitazione. Ed è pronta alla denuncia. E lei stessa a dircelo, spiegandoci che almeno resterà qualcosa agli atti.

La comprendiamo. La strada sotto casa dal nome lievemente poetico di via delle giuggiole è divenuta, pur senza mutare nome, via del Vespasiano. In quella via i residenti, seppur pochi, vorrebbero vivere in pace. Come dare a loro torto?

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti