Ultim'ora
Commenta

CNC: "Crema PreSST,
Cremona ospedale
nuovo e il Casalasco?"

Chiediamo il PreSST in primis che dovrebbe essere, a nostro avviso, nell’area ex-ospedale di via Cairoli ma in qualunque altro stabile sarà benvenuto purchè venga fatto

CASALMAGGIORE – Cambio al vertice della Sanità Lombarda e Lr. 23/2015 con le necessità di far fronte alle criticità dopo le osservazioni del Ministero. E’ un lungo documento quello elaborato da CNC che chiede al primo cittadino, in primo luogo, di farsi interprete delle esigenze del territorio. Affinché anche il Casalasco ottenga quanto merita e non sia messo all’angolo così come sempre.

“Due sono le grandi novità che riguardano il sistema sanitario lombardo:  la prima, per addetti ai lavori, è legata alla pubblicazione del documento di analisi della riforma sanitaria regionale, ovvero la tante volte citata l.r. 23/2015 e al conseguente richiamo del Ministro Speranza al Presidente Fontana sulle criticità emerse in questi cinque anni di sperimentazione e sulla impellente necessità di adeguare l’assetto organizzativo alle disposizioni nazionali, dando 120 giorni come ultimatum; la seconda novità invece, nota a tutti, è la nomina di Letizia Moratti come nuovo Assessore Regionale alla Sanità. Esponente politico noto sul panorama nazionale, hai natali proprio in un comune della nostra provincia.

Esattamente un anno fa, come gruppo politico di minoranza, abbiamo convocato un consiglio comunale straordinario per avere urgenti chiarimenti in tema di sanità alla presenza dell’allora Assessore Gallera, il quale aveva preso precisi impegni sull’ospedale Oglio Po. Il 2020 non è certo stato un anno ordinario per la sanità lombarda, ma tanti problemi del territorio non erano stati affrontati né prima né ora, quindi riteniamo ingiustificabile “nascondersi” dietro alla situazione emergenziale.

A giorni partiranno i lavori delle Commissioni per pianificare gli interventi perché, appunto, 120 giorni sono un tempo molto ristretto per riparare ad un modello fallimentare perpetrato in anni e anni di privatizzazioni e depotenziamento delle strutture pubbliche.

A Crema sarà fatto un Presidio Socio Sanitario Territoriale (PreSST), a Cremona l’ospedale nuovo mentre nel bacino Oglio Po non è previsto nulla. Casalmaggiore, come terzo comune della provincia, necessita di un PreSST che si complementi con l’azione dell’Oglio Po portando finalmente ad una vera ed efficiente integrazione ospedale-territorio, anche  perché è previsto per bacini da 50.000 abitanti e noi siamo ben oltre.

Quello che ci chiediamo adesso è cosa sta facendo Bongiovanni come sindaco e membro autorevole dell’Assemblea dell’Ambito dei sindaci del Casalasco-Viadanese.

Sarebbe auspicabile che, sentite ATS Valpadana e ASST Cremona e coinvolgendo gli altri Sindaci del territorio, chiedano di essere ricevuti in Commissione Regionale per presentare le richieste del nostro territorio con dei progetti fattibili; siamo terra di confine ma la situazione è a limite per quanto concerne la possibilità dei cittadini di poter avere servizi e potersi curare.

Chiediamo il PreSST in primis che dovrebbe essere, a nostro avviso, nell’area ex-ospedale di via Cairoli ma in qualunque altro stabile sarà benvenuto purchè venga fatto.

Chiediamo che il Sindaco si faccia portavoce del territorio e scriva alla Moratti per ricordare quanto promesso da Gallera per chiederne l’attuazione e convocare prima possibile un consiglio straordinario. Stanno per ripassare tanti soldi, stanziati per la sanità con il Bilancio di Previsione recentemente approvato e non vorremmo che si finisse come per la Tangenziale di Casalmaggiore, ovvero nessuno progetto, nessuna richiesta, nessuna battaglia per l’interesse dei cittadini e di conseguenza nessun miglioramento.

Consapevoli che la neo-nominata Assessora Moratti abbia una quantità enorme di lavoro prioritario da svolgere, tra tutti il Piano vaccinale e gli interventi urgenti del Ministero citati prima, sollecitiamo però il nostro Primo Cittadino affinchè si attivi per tempo e non perda l’occasione di questa imponente riorganizzazione per ottenere dei risultati concreti”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti