Politica
Commenta

Piano cave di riserva in provincia di Cremona. Degli Angeli: “No a scavi che finanziano opere inutili”

“Quello che più mi fa specie - precisa Degli Angeli - è la scelta da parte di alcuni consiglieri regionali del Pd, di difendere l’ambiente a targhe alterne”. Una freccia, quella del consigliere grillino, che arriva subito al centro della questione.

“L’autostrada Cr-Mn, se portata avanti, potrebbe costare al territorio una pianificazione volumetrica di oltre 5 milioni di metri cubi di cave. A questi si aggiungerebbero gli oltre 9 milioni per la Tibre, per un totale di quasi 15 milioni di metri cubi”. A riportare i dati è il consigliere del M5s Lombardia Marco Degli Angeli. E considerando i diversi vincoli ambientali nei siti dove dovrebbero sorgere le cave (idrici e paesaggistici per lo più ndr), il consigliere si chiede ironico se e quanto valga la pensa trasformare la provincia di Cremona in un grande sito estrattivo, un vero e proprio territorio gruviera, in virtù di autostrade anacronistiche e fantasma, ma che incombono da 30 anni come una spada di Damocle.

“Quello che più mi fa specie – precisa Degli Angeli – è la scelta da parte di alcuni consiglieri regionali del Pd, di difendere l’ambiente a targhe alterne”. Una freccia, quella del consigliere grillino, che arriva subito al centro della questione. “Si parla tanto di mobilità green, si intraprendono battaglie più che condivisibili a difesa di siti come quello del Pianalto della Melotta, incomprensibilmente e follemente incluso nel piano, ma poi si persegue una politica che  favorisce  il sorgere di altre cave con il solo scopo di finanziare autostrade inutili, completamente avulse dagli obiettivi del Recovery plan e dell’agenda green europea, e magari col buco nel mezzo?”. Un vero e proprio controsenso, sottolinea il consigliere pentastellato.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti