Cronaca
Commenta

Incidente mortale a Cividale, perde la vita Angiolino Luzzara

I vigili del fuoco e il 118 arrivati sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo il cui corpo senza vita è stato ricoperto da un telo verde fuori dalla macchina semiditrutta e capovolta

CIVIDALE MANTOVANO – Era ormai giunto vicino a casa quando il destino lo ha strappato alla vita. Angiolino Luzzara era molto conosciuto a Cividale e non solo, per aver lavorato in una fabbrica di gabbie per animali a Breda Azzolini prima di andare in pensione.

Nella zona aveva una cascina dove teneva degli animali da cortile a cui portava da mangiare ogni giorno. E ogni giorno percorreva dunque quella strada che collega Rivarolo del Re a casa sua in via Matteotti a Cividale, vicino alla chiesa.

Sabato verso le 18 il drammatico incidente. Superato il ponte sul canale la sua Seat Ibiza nera ha cominciato improvvisamente a sbandare sulla destra travolgendo la siepe di recinzione che delimita un terreno agricolo finendo poi con le ruote all’aria dopo una lunga strisciata nel campo.

I vigili del fuoco e il 118 arrivati sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo il cui corpo senza vita è stato ricoperto da un telo verde fuori dalla macchina semiditrutta e capovolta.

Avvertiti della sciagura sono arrivati i due figli Christian e Cristiana mentre la moglie Maria Pinardi ha ricevuto l’assistenza di un medico nella propria abitazione per un malore conseguente alla tragica notizia.

Angiolino Luzzara come si diceva era molto conosciuto anche per la sua dedizione alla famiglia e al lavoro. Amava molto anche gli animali e sino a qualche anno fa accudiva nel cortile della sua abitazione anche uno splendido cavallo con cui compiva escursioni nei campi attorno.

Il recupero della salma è stato affidato all’impresa funebre Portioli/ Selmini di Rivarolo mantovano. Appena si è diffusa la notizia della scomparsa del pensionato a Cividale sono cominciati i rintocchi delle campane in segno di lutto e mestizia.

Ros.Pis. e N.C.

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti