Cronaca
Commenta

San Giovanni in Croce in controtendenza: come cresce il nuovo quartiere Castello

Via Castello, via Fazzi, dove la precedente lottizzazione si era arenata, e via Marconi hanno decisamente un altro aspetto. E potrebbero, col ring, migliorare ancora, in estetica e servizi. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

SAN GIOVANNI IN CROCE – Via Castello, o meglio quartiere del Castello: una nuova zona per il comune di San Giovanni in Croce, che va in controtendenza, edificando in un periodo in cui il mercato edilizio ristagna e va in crisi. Lo sblocco è giunto dopo una lunga attesa, come spiega il sindaco Pierguido Asinari. Nuovi collegamenti, sia per la mobilità dolce che per quella su rotaia, con l’intenzione – che pare avere ottenuto un primo benestare da parte di Rete Ferroviaria Italiana – di creare un ring stradale che vada a sostituire quello che, oggi, è un binario morto.

In questo modo si creerà un vero e proprio anello attorno ad una zona del quartiere, che possa costeggiare la stazione ferroviaria e, al contempo, rendere più accessibile la stessa, con tanto di nuovo parcheggio per gli utenti. Con la ditta Bonazzoli il comune ha dunque messo in piedi una vera e propria rigenerazione urbana. Specie tenendo presente com’era questa zona del paese, dove prima sorgeva un’azienda che produceva mangimi per pollame. Via Castello, via Fazzi, dove la precedente lottizzazione si era arenata, e via Marconi hanno decisamente un altro aspetto. E potrebbero, col ring, migliorare ancora, in estetica e servizi.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti