Politica
Commenta

Trattamento non equo dei comuni, il sindaco di Torre Mario Bazzani polemizza con stato e regione

Nel 2021 Torre riceverà finanziamenti per investimenti, da Stato e Regione, pari a 96 € ad abitante. Bene, ma poi scopri che in Lombardia c'è un comune che riceverà, con gli stessi provvedimenti, 9.376 euro ad abitante

TORRE DE’ PICENARDI – Ci sono comuni più fortunati e altri meno, comuni in cui i contributi arrivano in maniera consistente e massiccia e altri costretti a fare i conti con quello che resta. C’è un unico criterio, ed è lo stesso che premia i comuni da poche decine di abitanti a quelli sino a 3000 alla stessa maniera. E’ basito il sindaco di Torre Mario Bazzani, e non lo nasconde. Aveva già polemizzato qualche tempo fa sulla differenza di trattamento tra comuni. E anche questa volta esprime tutto il suo dissenso.

La questione la spiega lo stesso primo cittadino: “Usano un unico criterio. Tutti i comuni sotto i 3.000 abitanti sono uguali. Avere 3.000 o 30 abitanti è la stessa cosa. Così come avere un territorio di 34 kmq è come avere un territorio di 1 kmq. Io lo trovo delirante. Lo hanno stabilito lo Stato e la Regione nelle rispettive leggi di bilancio. La vedo dura fare un ricorso. Non è da adesso che denuncio queste cose. Se ci fossero ancora i 13 comuni che nel tempo hanno dato origine a Torre saremmo ricoperti da una montagna di soldi. E sarebbero 13 comuni non tra i più piccoli. In Lombardia c’è un comune di 30 abitanti e uno di 1 kmq e ricevono gli stessi contributi di Torre”. Che deve portare avanti scuole e servizi.

“Non capisco – scrive – ma mi adeguo. Nel 2021 Torre riceverà finanziamenti per investimenti, da Stato e Regione, pari a 96 € ad abitante. Bene, ma poi scopri che in Lombardia c’è un comune che riceverà, con gli stessi provvedimenti, 9.376 euro ad abitante. Cento volte più di quello che riceverà Torre. Se poi il confronto si fa sulla superficie il paragone è tra 5.827 € a Kmq di Torre contro 200.000 a Kmq di un altro comune lombardo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti