Ambiente
Commenta

Federazione Fiume Chiese, 3.100 euro raccolti per opporsi a sfruttamento e inquinamento

Gianluca Bordiga: "Confidiamo pertanto nel sostegno economico alla nostra attività unitaria, da parte dei cittadini e di ogni Ente locale". er chi volesse contribuire l'IBAN è IT17K0869254780063000003333

ACQUANEGRA SUL CHIESE – Si sono affidati ad uno degli studi più rinomati per quel che riguarda le tematiche di tipo ambientale, e ad un tecnico consulente altrettanto esperto, Pier Raimondo Cappella. Per difendere il fiume ed il suo lago d’Idro dai progetti che avanzano cupi sul futuro del fiume.

Lo hanno fatto con coraggio, ben consapevoli delle spese a cui si sarebbe andati incontro e ben consapevoli che l’eventualità di ricorrere alla legge e ai tribunali e una strada lunga e non sempre semplice. Per finanziare l’obiettivo hanno scelto una sorta di raccolta fondi. In verità attorno alla raccolta avrebbero dovuto gravitare iniziative varie di sostegno alla causa ma il Covid ha cambiato anche le strategie. Il presidente della Federazione del Tavolo delle Associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro Gianluca Bordiga ed il tesoriere Dino Zocchi hanno scritto per spiegare come sta andando quella raccolta fondi e più in generale qual’è la situazione.

Siamo costantemente attenti – ci informano – alla complessa situazione del bacino idrografico del Chiese, del fiume e del suo lago, e siamo impegnati ad organizzare al meglio la sua difesa. È noto, i progetti in corso di valutazione causerebbero drammatici impatti sull’equilibrio ecologico, rendendo ancor più marcata la sua condizione di vulnerabilità delle matrici ambientali, acqua-suolo-aria, e della biodiversità che caratterizza l’habitat naturale.

Per supportare la nostra azione nell’aspetto tecnico-legale, abbiamo chiesto l’assistenza dell’avvocato amministrativista esperto in tematiche ambientali Ruggero Tumbiolo, dello Studio legale Marcinkiewicz – Patelli – Tumbiolo & Associati, con sede a Como e a Milano, e ai suoi collaboratori, nonché del dott. ing. Pier Raimondo Cappella di Gorizia, specialista in materia impiantistica, e di consulenti esperti in materia ambientale, affinché ci forniscano supporto tecnico/giuridico qualificato riguardo alle problematiche legate alla gestione delle acque del Chiese, in particolare per fermare quell’intento complesso fra istituzioni e attività produttive che vorrebbero scaricarvi la depurazione dei reflui della sponda bresciana del lago di Garda.

La campagna di raccolta fondi che abbiamo avviato nel novembre 2020 e che durerà fino a dicembre 2021 è finalizzata a creare un fondo, gestito con oculatezza e trasparenza, col quale saremo in grado di supportare tutte le opportune iniziative, tecniche e legali, per la tutela dell’intero bacino idrografico del Chiese, nelle sedi competenti.

Confidiamo pertanto nel sostegno economico alla nostra attività unitaria, da parte dei cittadini e di ogni Ente locale. Al 31 gennaio 2021 la raccolta ammonta a 3.105,00#euro

La Federazione del Tavolo delle Associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro è un’organizzazione unitaria di 19 formazioni sociali no-profit esistenti dalla sorgente alla foce del fiume Chiese, che fanno attività di difesa dell’ambiente sull’asta dei 160 chilometri del bacino imbrifero stesso, che attraversa 2 Regioni e 3 Province e bagna 30 Comuni, le quali unitesi sotto la forma federativa agiscono per rigenerare il deflusso ecologico in ogni tratto del fiume e per consolidarlo nel suo lago D’Idro, che del fiume ne è un rilassamento morfologico, e per proteggere l’intero bacino imbrifero da ogni inquinamento.

Per chi volesse contribuire l’IBAN è IT17K0869254780063000003333

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti