Cronaca
Commenta

Rigenerazione urbana, Sabbioneta candida in Regione progetto per Villa Pasquali

Marco Pasquali: “Il progetto che candidiamo punta a creare un collegamento sempre più forte fra il centro di Sabbioneta e le sue frazioni, un collegamento che si basa sulla forza della storia che si respira a Villa Pasquali". GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

VILLA PASQUALI (SABBIONETA) – Gli spazi culturalmente e storicamente importanti nel Comune di Sabbioneta sono tantissimi, così come quelli che necessitano di particolari cure ed attenzioni dal punto di vista della valorizzazione. Villa Pasquali, sede della maestosa chiesa del Bibiena e della gonzaghesca Villa della Grangia, è sicuramente uno dei siti di maggior interesse.

È proprio il centro di Villa Pasquali ad essere oggetto della candidatura del Comune di Sabbioneta al bando regionale dedicato alla “rigenerazione urbana”. Il progetto da 600.000 euro, approvato dalla Giunta Comunale sabbionetana punta, infatti, ad attribuire un significato nuovo a quello che a tutti gli effetti potrebbe essere uno splendido centro storico di qualunque piccolo borgo.

L’area interessata dal progetto dell’architetto Matteo Guardini è quella compresa fra la chiesa di Sant’Antonio, via della Grangia e via delle Scuole. Al suo interno si trovano il parchetto pubblico, la sala civica, l’ambulatorio medico, la sede dell’Avis e gli alloggi popolari sabbionetani.

È questa l’area oggetto degli interventi che prevedono la riqualificazione energetica dell’edificio delle ex scuole, la ripavimentazione dell’area in modo da creare un ideale collegamento con il capoluogo sabbionetano, l’illuminazione di quello che vuole diventare il “centro storico” di Villa Pasquali, la sistemazione del parchetto e il ripensamento della piazzetta antistante la sala civica.

Marco Pasquali: “Il progetto che candidiamo punta a creare un collegamento sempre più forte fra il centro di Sabbioneta e le sue frazioni, un collegamento che si basa sulla forza della storia che si respira a Villa Pasquali.

L’idea è quella di far tornare gli abitanti di Villa proprietari di spazi oggi poco vissuti, poco frequentati, poco accoglienti. Le criticità sono tante: dall’abbandono delle case di un tempo, allo spopolamento, alla assenza di servizi.

Con questo intervento, che ci auguriamo possa essere finanziato da Regione Lombardia, la speranza è che davvero la frazione di Villa Pasquali possa ‘rigenerarsi’ e tornare ad essere attrattiva per nuovi insediamenti commerciali e abitativi, stimolando i privati ad intervenire sui beni di proprietà purtroppo abbandonati da tempo”.

© Riproduzione riservata
Commenti