Cronaca
Commenta

Padania Acque, a Torre De
Picenardi arriva Fonte Castello

Fonte Castello si aggiunge ai già numerosi punti acqua pubblici, i cosiddetti AcquaPoint, installati nelle piazze e nelle scuole dell’intera provincia

TORRE DE PICENARDI – Una nuova casa dell’acqua per la provincia di Cremona. È Fonte Castello, la casetta installata nel comune di Torre de’ Picenardi in Via dello Sport, da oggi attiva e a disposizione gratuitamente di tutta la cittadinanza che potrà fruire così dell’acqua di rete buona e sicura: la stessa acqua che viene distribuita nelle nostre case e che verrà erogata dalla Fonte 24 ore al giorno, refrigerata in versione naturale e frizzante, e con caratteristiche organolettiche migliorate grazie al moderno sistema di filtrazione con carboni attivi e di disinfezione a raggi UV.

«I cittadini di Torre de’ Picenardi possono già vantare un’acqua particolarmente pura, potabilizzata con il nuovo impianto a raggi ultravioletti di Isola Dovarese, – dichiara il Sindaco Mario Bazzani – una tecnologia all’avanguardia che rende l’acqua delle nostre case particolarmente leggera e purissima. “Fonte Castello” è il nuovo servizio per la nostra comunità che potrà garantire anche acqua refrigerata e gassata ai nostri cittadini. Speriamo che la Fonte avvicini sempre più le persone all’acqua di rete, facendone apprezzare la bontà, la qualità e la sicurezza, oltre a promuovere un consumo responsabile della risorsa e l’uso di contenitori di vetro e borracce riutilizzabili in sostituzione delle inquinanti bottiglie di plastica usa e getta».

Fonte Castello si aggiunge ai già numerosi punti acqua pubblici, i cosiddetti AcquaPoint, installati nelle piazze e nelle scuole dell’intera provincia: un impegno continuo da parte di Padania Acque per rendere sempre più accessibile l’acqua di rete, disponibile così ai cittadini refrigerata e addizionata di anidride carbonica.

Da alcuni anni Padania Acque, gestore dell’idrico cremonese, ha avviato una intensa attività di promozione del consumo dell’acqua del rubinetto, in linea con la direttiva europea sull’acqua potabile, finalizzata a garantire sia una migliore qualità dell’acqua di rete che un migliore accesso alla risorsa per tutti.

L’installazione capillare delle case dell’acqua nel territorio provinciale rientra nel programma di attuazione di quanto previsto nel Piano d’Ambito, elaborato di concerto con l’Ufficio d’Ambito della Provincia di Cremona e approvato recentemente dai Comuni soci della Società riuniti in assemblea.

Padania Acque e ATS Valpadana, sempre molto attente alla sicurezza, raccomandano durante il prelievo dell’acqua, sia dalle fonti che dalle fontanelle, il rispetto di alcune semplici prescrizioni, raccomandazioni sulla corretta modalità di utilizzo e di approvvigionamento, che sono affisse anche all’esterno delle case dell’acqua:

• Divieto di bere direttamente dagli erogatori, accostando la bocca ai rubinetti di erogazione;
• Divieto di toccare gli erogatori con le mani;
• Divieto di portare a contatto bottiglie, o altri contenitori, con gli ugelli che erogano l’acqua;
• L’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale dalle altre persone in coda;
• L’obbligo, durante il prelievo dell’acqua, attenersi alle misure igienico-sanitarie anti Covid-19;
• Consumare l’acqua prelevata entro 2 o 3 giorni, evitando grandi scorte ma privilegiando frequenti approvvigionamenti;
• Conservare l’acqua in luoghi freschi senza esporla alla luce, al sole o al caldo;
• Conservare l’acqua solo in contenitori per alimenti, preferibilmente in vetro o borracce riutilizzabili;
• Assicurarsi che i contenitori siano puliti e periodicamente utilizzare un disinfettante per evitare che i recipienti possano deteriorare la purezza dell’acqua;
• Sostituire periodicamente i contenitori.

L’acqua distribuita nelle case dell’acqua è la stessa che viene distribuita nelle nostre case: buona e di qualità, sicura e controllata. Le analisi aggiornate sono sempre consultabili dal sito web www.padania-acque.it (alla voce servizi, “analisi online”) e attraverso l’app gratuita “AcquaTap”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti