Economia
I commenti sono chiusiCommenta

La Anghinetti si arrende: chiude
la storica fabbrica di Gussola

La Anghinetti, fondata nel 1968, produce da sempre componenti per macchine da cucire e assi da stiro, ma negli ultimi anni ha avuto diversi problemi a livello economico, a causa della crisi globale e dalla mancanza di commesse sul mercato. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Saranno consegnate martedì le lettere di licenziamento ai 19 dipendenti della Anghinetti, storica azienda di Gussola che, dopo diverse annate tribolate, si arrende alla crisi e cessa così la sua attività. Quello di mercoledì stato l’ultimo giorno di lavoro, dopo di che giovedì i sindacati hanno incontrato proprio i lavoratori per comunicare la decisione.

La Anghinetti, fondata nel 1968, produce da sempre componenti per macchine da cucire e assi da stiro, ma negli ultimi anni ha avuto diversi problemi a livello economico, a causa della crisi globale e dalla mancanza di commesse sul mercato.

L’azienda, occorre dirlo, ha fatto tutto il possibile per andare avanti: i proprietari già una decina di anni fa erano arrivati ad ipotecare alcuni beni personali per riuscire a tenere duro e a dare nuova linfa alla struttura, mentre l’arrivo di un nuovo socio finanziatore aveva ridato una speranza alla Anghinetti, che aveva preso il nome di Anghinetti & Camptel Srl. Poi la mancanza di ordini e una situazione esattoriale definita critica dai sindacati ha portato all’inevitabile epilogo.

La Cassa Integrazione Straordinaria in periodo di Covid è stato l’ultimo sussidio giunto a livello statale. I libri contabili verranno dunque depositati nei prossimi giorni, ma l’azienda ha formalmente già chiuso i battenti, lacerando un tessuto economico sempre più in difficoltà con altri 19 lavoratori a piedi.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.