Cronaca
Commenta

Il caso Tamoil 10 anni dopo:
reportage con Rotary Cop e Poc

Chi fosse interessato a seguire la conviviale Zoom può inviare una richiesta alla mail rotarycop@gmail.com.

Il caso Tamoil a Cremona è al centro di una conviviale che si terrà mercoledì 21 aprile alle ore 21 sulla piattaforma Zoom. A proporlo sono i Rotary Club Casalmaggiore Oglio Po e Piadena Oglio Chiese e il Rotaract Piadena Casalmaggiore Asola.

Verrà proposto il reportage televisivo realizzato dal giornalista di Cremona 1 Simone Bacchetta, che poi sarà protagonista della relazione sul tema dell’inquinamento provocato dalla raffineria, la cui costruzione risale agli anni Cinquanta, ed i cui impianti sono stati chiusi dieci anni fa.

Nel reportage sono intervistati i protagonisti dell’epoca: i politici Giuseppe Torchio (ex presidente della Provincia di Cremona), Oreste Perri (ex sindaco di Cremona), gli assessori all’Ambiente del Comune di Cremona Alessia Manfredini (ex) e Simona Pasquali, Sergio Ravelli (del partito Radicale, unica forza politica a denunciare allora la situazione) e Luciano Pizzetti (parlamentare del Partito Democratico); e ancora Maurilio Segalini (presidente Società Canottieri Bissolati), Paolo Beati (ex dirigente di Arpa Lombardia), Sara Pizzorni (cronista di giudiziaria), Marco Arcari (sindacalista Cgil).

E infine i protagonisti del processo: Guido Salvini (giudice di primo grado), Claudio Tampelli e Gianpietro Gennari (avvocati di parte civile), Gianni Porto (geologo e perito) e soprattutto Gino Ruggeri, promotore dell’azione popolare in quanto si sostituì come parte civile al Comune di Cremona, che poi lo premiò per l’iniziativa (che portò nelle casse comunali un milione di euro di risarcimento).

Chi fosse interessato a seguire la conviviale Zoom può inviare una richiesta alla mail rotarycop@gmail.com.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti