Cultura
Commenta

Asola, il Museo Bellini propone
al pubblico le storie a viva voce

Si è pensato di creare una nuova rubrica on line “Storie a viva voce” ogni martedì sera, a partire dal 27 aprile alle ore 21.00 per 9 appuntamenti, con video racconti sul territorio asolano: storia, monumenti, aneddoti, personaggi, folklore e religiosità

Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via.

Un paese vuol dire non essere soli,

sapere che nella gente, nelle piante,

nella terra c’è qualcosa di tuo,

che anche quando non ci sei resta ad aspettarti.

(Cesare Pavese)

STORIE A VIVA VOCE  da un’idea dell’Assessore alla cultura Cecilia Antonioli

La chiusura e il momento difficile legato alla situazione pandemica ha portato il Museo Civico ‘Bellini’ di Asola a esplorare nuovi strumenti di comunicazione e valorizzazione insieme alla comunità e alla disponibilità gratuita di alcuni cittadini.

Si è pensato di creare una nuova rubrica on line “Storie a viva voce” ogni martedì sera, a partire dal 27 aprile alle ore 21.00 per 9 appuntamenti, con video racconti sul territorio asolano: storia, monumenti, aneddoti, personaggi, folklore e religiosità.

In un’ottica di valorizzazione e promozione ma allo stesso tempo di raccolta di fonti orali con l’obiettivo di salvare e far conoscere il grande scrigno di memorie. Il territorio ci appartiene, fa parte del nostro mondo interiore: è luogo di riferimento, un bene mai dimenticato che alimenta la nostra memoria.  È terra, è casa, è vita, è l’oggi, ma anche un passato in cui ci riconoscersi.

Alla luce di questo si rivela, oggi più che mai, necessario conservare le testimonianze dei custodi del tempo.

L’obiettivo generale è proprio la riscoperta, la conoscenza, la tutela e quindi la promozione di quella ricchezza non tangibile che fa parte della memoria collettiva di una comunità e su cui si fonda il senso di appartenenza dei cittadini a quel luogo.

Registrazioni a cura di Filmaker Asola.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti