Cronaca
Commenta

Ponti, 7 milioni alla Provincia di
Cremona: si pensa a Calvatone

Nello specifico, a breve saranno disponibili i risultati delle indagini effettuate: due gli indirizzi privilegiati, che riguardano la manutenzione straordinaria del Ponte sul Serio a Sergnano e del ponte sull’Oglio di Calvatone.

Il passaggio ad Anas non ferma le Province che, per quanto di loro competenza, hanno ottenuto risorse dal Ministero delle Infrastrutture e dal Ministero dell’Economia con un provvedimento prossimo ormai alla pubblicazione.

“Si tratta di un’erogazione complessiva a livello nazionale per complessivi 1150 milioni per le Provincie e le città metropolitane – ha precisato il Presidente della Provincia di Cremona, Paolo Mirko Signoroni –. Alla Provincia di Cremona spetteranno i seguenti finanziamenti: nel 2021 euro 2.136.031,31, nel 2022 euro 3.035.650,26 e nel 2023 euro 2.136.031,31″.

Oltre 7 milioni, dunque, che saranno “investiti in base ai risultati di una vasta campagna di indagini specifiche effettuate negli ultimi due anni dalla Provincia per verificare lo stato di conservazione dei principali manufatti stradali cremonesi”.

Grazie a queste nuove risorse la Provincia di Cremona potrà investire sulle priorità infrastrutturali, sia in termini di sicurezza che di riqualificazione per una migliore viabilità. Pertanto, oltre agli interventi già finanziati ed ora in fase di progettazione, che si ricordano riguardano le manutenzioni dei ponti di Crotta d’Adda, Rivolta d’Adda, viadotto sul Serio a Crema, Pizzighettone, Pianengo, il nuovo ponte a Isola Dovarese, il raddoppio del Ponte a Spino sull’Adda, la ristrutturazione del ponte di San Daniele e la progettazione del nuovo ponte di Casalmaggiore, la Provincia ha intrapreso la fase di programmazione delle nuove risorse.

Nello specifico, a breve saranno disponibili i risultati delle indagini effettuate: due gli indirizzi privilegiati, che riguardano la manutenzione straordinaria del Ponte sul Serio a Sergnano e del ponte sull’Oglio di Calvatone.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti