Cronaca
Commenta

Patrick aveva già aggredito
Daniele: il racconto di Maria Teresa

Nelle ultime settimane Patrick aveva detto a Maria Teresa di avere accettato la sua nuova relazione, ma evidentemente non era vero. Un modo forse soltanto per fare abbassare la guardia psicologica della ragazza e poi colpire. O più semplicemente una sorta di autoconvincimento smentito poi brutalmente dai fatti. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Non era la prima volta che Patrick Mallardo tentava di aggredire Daniele Tanzi. A rivelare il retroscena, molto importante per comprendere la dinamica della relazione, è la fidanzata di Daniele ed ex di Patrick, Maria Teresa Dromì, 18 anni di Parma, in una intervista alla “Gazzetta di Parma”.

La relazione tra Maria Teresa e Patrick si era chiusa attorno a Natale 2020, per un tradimento del ragazzo, poi all’inizio della primavera il fidanzamento con Daniele. Il quale non aveva mai istigato nè provocato Patrick: caso mai accadeva il contrario, tanto che ad un certo punto era stata la stessa Maria Teresa a intervenire, chiedendo all’ex di lasciarli in pace, in particolare dopo una minaccia (verbale e fisica) subita al Parco Ducale a Parma a inizio primavera. In quel caso avevano preso posizione pure alcuni amici comuni, che avevano diviso i due ragazzi.

Nelle ultime settimane Patrick aveva detto a Maria Teresa di avere accettato la sua nuova relazione, ma evidentemente non era vero. Un modo forse soltanto per fare abbassare la guardia psicologica della ragazza e poi colpire. O più semplicemente una sorta di autoconvincimento smentito poi brutalmente dai fatti. Tutti questi dettagli, che gli inquirenti stanno raccogliendo, confermerebbero il capo d’imputazione principale per Mallardo, ossia l’omicidio volontario premeditato. Patrick infatti si era portato una busta con indumenti di ricambio. E ha lasciato il proprio maglione blu squarciato in due (forse si è strappato nella furia delle coltellate) sulla riva del canale dove ha lanciato il coltello da cucina.

E c’è di più: Patrick era un tipo violento, ha raccontato Maria Teresa, e tre volte era stato denunciato per maltrattamenti. A farlo era stata la mamma di Maria Teresa, che era stata pure insultata dal 19enne, ora accusato di avere ucciso il rivale in amore. Maria Teresa e Patrick avevano vissuto a casa del ragazzo per un certo periodo e gli stessi genitori di Mallardo, stando al racconto di Maria Teresa, s’erano accorti che qualcosa non andava.

Perché lo stesso aggressore abbia poi deciso di chiamare i soccorsi non è chiaro: un attimo di lucidità dopo la furia omicida, unita a pentimento? Oppure Patrick voleva davvero soltanto colpire Daniele e “limitarsi” a ferire la ex fidanzata, tanto che – una volta messo a segno il suo diabolico piano – s’è deciso a chiamare i soccorsi almeno per la ragazza, rimasta ferita? Di certo le chiamate sono state due: una per chiedere aiuto per Daniele e una per richiedere i soccorsi per Maria Teresa. “Ora che ci penso bene – ha dichiarato Maria Teresa sempre al quotidiano parmigiano – Patrick mi ha spostata per colpire Daniele e solo a quel punto io mi sono svegliata. Pensavo fosse un rapinatore, aveva il cappuccio, poi se l’è tolto e ho capito tutto: ma era troppo tardi”.

Tre ragazzi coetanei (classe 2002) e con un sostrato comune, quello underground della periferia di Parma, che Daniele aveva iniziato a frequentare dopo la conoscenza con Maria Teresa. Tutti e tre arrivano infatti da scuole professionali: operatore meccanico a Santa Chiara a Casalmaggiore Daniele; parrucchiera alla scuola professionale di Parma Maria Teresa; e uscito dall’Ipsia, sempre di Parma, Patrick. L’ex Molino era un luogo di ritrovo condiviso, che – come detto – Daniele aveva conosciuto da poco tempo. Prima, non praticando sport in alcuna società, era solito uscire con gli amici di Casalmaggiore e Viadana, andando in bicicletta con la musica ad alto volume grazie allo stereo appositamente montato sul manubrio.

Poi, una volta conosciuta Maria Teresa, gli amici si erano un po’ “persi”, anche se sono stati proprio loro a lasciare un commosso video d’addio su Facebook. E’ stata dunque Maria Teresa a fare conoscere a Daniele l’ex Molino di via Volturno, dove i due erano andati più volte. Peraltro la fidanzata di Daniele ha pubblicato qualche tempo fa una fotografia su Facebook che, stando allo sfondo, potrebbe essere stata scattata proprio all’ex Molino, o comunque in un’altra zona periferica e apparentemente degradata di Parma. All’ex Molino Maria Teresa andava nei mesi precedenti ad appartarsi con Patrick e ora aveva iniziato a fare lo stesso anche con Daniele. Così Patrick ha capito subito dove andare a cercare la coppia.

Tra i messaggi di cordoglio che si possono leggere sulla pagina Facebook di Daniele c’è pure quello di Maria Teresa, che ha utilizzato il profilo di un parente (probabilmente uno zio) per salutare il 19enne di Casalmaggiore. “Riposa in pace, amore mio. La tua ragazza” ha scritto la 18enne, che dopo un passato burrascoso (era stata anche in comunità) sembrava aver trovato nel nuovo fidanzato una persona disposta ad aiutarla per superare le sue fragilità.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti