Politica
Commenta

Rolfi: "Fanghi vietati in 167
Comuni". Ma nessuno è Casalasco...

“Le soluzioni esistono, serve – ha concluso Rolfi – un approccio non ideologico. L’alternativa ai fanghi e alla chimica nei campi è la materia organica in grado di dare fertilità e capacità di ritenzione idrica al terreno”.

“I recenti fatti di cronaca dimostrano come i fanghi industriali siano problematici per l’agricoltura e per i campi”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi. La Regione Lombardia, a questo proposito, ha vietato anche per l’anno campagna 2020-2021 lo spandimento dei fanghi da depurazione per uso agronomico in 167 Comuni del territorio, tra cui 43 in territorio Cremonese.

L’impiego dei fanghi per uso agronomico è consentito solo su terreni non localizzati in Comuni in cui la produzione di effluenti da allevamento, dovuta al carico zootecnico, superi il limite fissato dalla Direttiva nitrati e dalla norma regionale di settore (170 kg N/ha/anno per le zone vulnerabili; 340 kg N/ha/anno per le zone non vulnerabili).

“Quella dei fanghi in agricoltura – ha aggiunto l’assessore – è una materia delicata, che qualcuno cerca di sfruttare per un tornaconto economico. Per questo la rigidità normativa della Regione Lombardia è da prendere come modello”.

“Per il futuro – ha affermato l’assessore – occorre favorire una vera economia circolare in agricoltura, che parta da un utilizzo intelligente della sostanza naturale, ossia dei prodotti organici delle nostre stalle, semplificando la normativa e stimolando i processi di innovazione nella gestione dei reflui per consentire di abbattere notevolmente l’azoto e le emissioni attraverso l’iniezione o la fertilizzazione sotterranea. È necessario il riconoscimento del digestato derivante dalla digestione anaerobica come fertilizzante per creare una alternativa green alle scorciatoie dei gessi di defecazione che vengono trasformati in fertilizzanti per aggirare la normativa sulla direttiva nitrati”.

“Le soluzioni esistono, serve – ha concluso Rolfi – un approccio non ideologico. L’alternativa ai fanghi e alla chimica nei campi è la materia organica in grado di dare fertilità e capacità di ritenzione idrica al terreno”.

I Comuni del Cremonese in cui è vietato lo spandimento sono: Agnadello, Bagnolo Cremasco, Camisano, Capergnanica, Cappella Cantone, Capralba, Casale Cremasco-Vidolasco, Casaletto Ceredano, Casaletto Di Sopra, Casaletto Vaprio, Castel Gabbiano, Castelleone, Chieve, Cremosano, Crotta d’Adda, Cumignano Sul Naviglio, Dovera, Formigara, Gombito, Izano, Malagnino, Monte Cremasco, Moscazzano, Palazzo Pignano, Pandino, Pessina Cremonese, Pieve San Giacomo, Pizzighettone, Quintano, Ricengo, Ripalta Guerina, Rivolta d’Adda, Romanengo, San Bassano, Sergnano, Soncino, Spino d’Adda, Stagno Lombardo, Ticengo, Trescore Cremasco, Trigolo, Vescovato. Nessuno, come visto, è Casalasco.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti