Politica
Commenta

Viadana, l'opposizione: "Palafarina
Gualerzi manterrà la parola data?"

"Come dichiarato nell’ultimo Consiglio Comunale dall’Assessore Ivan Gualerzi con il 18 di luglio si concluderanno i lavori di ricostruzione del PalaFarina. Come Opposizione abbiamo chiesto di poter svolgere un sopralluogo". GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Il 18 luglio dovrebbero concludersi i lavori del Palafarina. Dovrebbero, il condizionale e soprattutto in questo caso è più che mai d’obbligo visti i precedenti. L’opposizione Viadanese chiede di poter fare – il 18 stesso o al limite il 19 visto che il 18 cade di domenica – un sopralluogo per verificare l’effettivo stato del palazzetto. A chiederlo tutta l’opposizione, Adriano Saccani (Capogruppo Uniti per Viadana), Fabrizia Zaffanella (Capogruppo Io Cambio), Benedetta Boni (Consigliere Comunale Io Cambio), Silvio Perteghella (Capogruppo Viadana Democratica), Alessia Minotti (Capogruppo Viadana Davvero 2020) e Cristina Torricelli (Capogruppo Il Grande Fiume). Anche per valutare se la parola data dall’assessore alla partita, Ivan Gualerzi, è stata mantenuta.

Come dichiarato nell’ultimo Consiglio Comunale dall’Assessore Comunale ai lavori pubblici Ivan Gualerzi con il 18 di luglio si concluderanno i lavori di ricostruzione del PalaFarina.

Come Consiglieri di Opposizione, a garanzia dei cittadini viadanesi, abbiamo chiesto al Sindaco, all’Assessore Competente e al Presidente del Consiglio Comunale che per tale data o per il giorno successivo (visto che il 18 luglio cade in domenica) di poter svolgere un sopralluogo con i tecnici responsabili per verificare in presenza l’ultimazione dei lavori, cosa di cui nutriamo più di qualche dubbio osservando “da fuori” la situazione del sito con sempre poche persone presenti sul cantiere a lavorare.

Speriamo come abbiamo scritto nella nostra interrogazione presentata poche settimana fa che questa chiusura lavori spostata nuovamente al 18 luglio non sia una banale scusa per non far pagare le penali alla ditta costruttrice.

L’assessore Gualerzi, sempre nell’ultimo consiglio, ha dichiarato che la ditta costruttrice chiede, come Riserve, ulteriori circa 250.000 euro e se banalmente proviamo a calcolare le penali dal 1° aprile al 18 luglio (inizio aprile data in cui l’amministrazione ha concesso l’ulteriore proroga al 18 luglio, e che Gualerzi ha confermato sempre nell’ultimo consiglio l’intenzione di applicare gli indennizzi a favore del Comune), risultano circa 243 mila euro, casualmente simile a quanto oggi l’azienda chiede come ulteriore integrazione al contratto.

Non vorremo pensare male che il famoso contradditorio tra le parti che dovrà avvenire a fine lavori porti a compensare questi due importi e magari si vada ad aggiungere qualche ulteriore richiesta d’integrazione lavori con aggravio di costi per altre migliaia di euro.

Pertanto a garanzia di Viadana pretendiamo di poter fare un sopralluogo urgente e se l’Amminstrazione non lo concederà la nostra intenzione sarà quella di presentarci ugualmente ai cancelli del PalaFarina chiedendo di poter entrare per poter realmente testimoniare la situazione del cantiere“.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti