Cronaca
Commenta

Trovato morto nel Bresciano il 40enne
scomparso da domenica

Il cadavere di Luca Storti, originario di Casalmaggiore, deceduto molto probabilmente già da un paio di giorni, è stato individuato con l'aiuto di un drone a Manerbio in un campo

Era sparito da domenica, ma il suo corpo è stato rinvenuto oggi, privo di vita in un campo: tragica fine per un 40enne originario di Casalmaggiore e da qualche tempo residente a Pontevico, dove era da poco uscito da un percorso riabilitativo nella comunità di recupero gestita dalla Cooperativa di Bessimo. Il cadavere di Luca Storti, deceduto molto probabilmente già da un paio di giorni, è stato individuato con l’aiuto di un drone a Manerbio in un campo della cascina Fedrizze, dove ieri era stata trovata la sua vettura.

A dare l’allarme era stata la fidanzata dell’uomo, che da domenica non lo aveva più visto. La donna e alcuni conoscenti hanno riferito ai carabinieri di Verolanuova guidati dal maggiore Tedros Christian Comitti, comandante di Compagnia, che qualche giorno prima avevano ricevuto dall’uomo messaggi criptici che potrebbero fare pensare al suicidio, l’ipotesi al momento più accreditata dagli investigatori. Escluso invece l’omicidio, mentre resta aperta la possibilità che l’uomo sia rimasto vittima di un malore. Sarà l’autopsia a dare una risposta definitiva.

Sul posto sono intervenuti i militari della stazione di Manerbio, i Vigili del fuoco volontari giunti da Verolanuova e i permanenti da Brescia.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti