Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Piadena, opposizione contro
Priori: "Vaccini, faccia chiarezza"

"Sappiamo anche di affermazioni fatte in pubblico dal Sindaco esplicitamente contro il vaccino anti covid19: uno schiaffo a tutte e tutti le lavoratrici e lavoratori del mondo medico e infermieristico e del volontariato impegnati in questa dura battaglia"

La posizione del sindaco Matteo Priori sui vaccini e sul Covid è poco chiara. Questo pensa la Lista Civica Piadena Drizzona, Una comunità che cresce che chiede al primo cittadino chiarezza. Cosa pensa Priori realmente su campagna vaccinale e contagi?

Care/i concittadine/i – scrive l’opposizione – dopo il consueto messaggio settimanale del Sindaco Matteo Guido Giorgio Priori ci sentiamo in dovere di intervenire per segnalare un passaggio del video che sinceramente ci ha lasciato perplessi. Dopo l’abituale cappello introduttivo con i soliti dati sanitari sui contagi da Covid-19, il Sindaco mostra un cartello con alcuni numeri e percentuali presi dal giornale “La Repubblica” (così afferma il primo cittadino), sono presenti, a confronto, i dati epidemiologici del 3 agosto 2020 e del 3 agosto 2021; una volta letti e constatato il peggioramento degli stessi nel suddetto periodo ovvero più morti, più contagi, più ingressi in terapia intensiva, ecc… il Sindaco evidenzia un dato in un primo momento volutamente ignorato: il numero dei vaccinati del 3/8/2020 e del 3/8/2021.Priori fa notare che il 3 agosto 2020 i vaccinati erano (ovviamente) pari a zero, un anno dopo invece erano il 53,2% della popolazione ma il Sindaco si ferma qui e dice che non vuole aggiungere altri commenti ma il messaggio è fin troppo chiaro e aggiungiamo grave e lo diciamo noi se proprio non vuole prendersi lui la responsabilità delle proprie posizioni: il Sindaco vuole intendere che nonostante le persone si siano vaccinate si sono certificati più morti come se il vaccino non avesse agito positivamente sul decorso della pandemia. Un messaggio equivoco che consideriamo inopportuno soprattutto se arriva da un Sindaco dunque da un rappresentante delle istituzioni e dello Stato e che va a cozzare coi dati scientifici e le posizioni ufficiali dell’Istituto Superiore di Sanità. Il primo cittadino si è limitato a leggere dei numeri statistici senza approfondirli e senza la minima spiegazione collegando l’aumento dei vaccinati con l’aumento del numero dei morti, un messaggio equivoco. È vero ognuno può avere le convinzioni che vuole ma la cosa fondamentale però è che deve anche considerare il ruolo che ricopre il quale comporta una seria valutazione di ciò che si fa e che si esprime pubblicamente. Dietro la campagna vaccinale, ormai attiva da mesi, ci sono donne e uomini che stanno facendo i salti mortali per garantire la piena copertura, dottoresse e dottori, infermiere e infermieri e soprattutto volontarie e volontari che in ogni padiglione stanno garantendo il regolare svolgimento della campagna vaccinale e il nostro Sindaco cosa dice? Confonde le acque. Sappiamo anche di affermazioni fatte in pubblico dal Sindaco esplicitamente contro il vaccino anti covid19: uno schiaffo a tutte e tutti le lavoratrici e lavoratori del mondo medico e infermieristico e del volontariato impegnati in questa dura battaglia. Ed è anche uno schiaffo contro la scienza. Concludiamo chiedendo: i membri di giunta e maggioranza sono d’accordo con questa posizione pubblica del Sindaco contro la vaccinazione?”

redazione@oglioponews.it

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.