Arte
Commenta

Palazzo Ducale, inaugurata
la mostra del Maestro Claudio Nicoli

Di lui scrive Paolo Levi: "Nicoli è uno scultore atemporale, capace di raccontare in chiave plastica e nobile momenti interiori che scaturiscono da un profondo senso della poesia”. La mostra resterà aperta fino al 31 ottobre, seguendo gli orari e il regolamento  di visita del Palazzo.

Si è aperta domenica 5 settembre 2021 alle ore 17 la personale di scultura e pittura del Maestro Claudio Nicoli nelle suggestive sale dei sotterranei del Palazzo Ducale di Sabbioneta. In mostra oltre ottanta opere, per lo più sculture in bronzo e in terracotta, oltre a disegni e dipinti che riassumono i temi ed i soggetti cari all’artista, ovvero episodi personaggi della mitologia rivisitati in chiave postmoderna  con il tratto tipico, eretico e formalmente rigoroso, che contraddistingue il Maestro da oltre trent’anni di attività espositiva in Italia ed all’estero.

Di lui scrive Paolo Levi: “Nicoli è uno scultore atemporale, capace di raccontare in chiave plastica e nobile momenti interiori che scaturiscono da un profondo senso della poesia”. La mostra resterà aperta fino al 31 ottobre, seguendo gli orari e il regolamento  di visita del Palazzo.

Intanto al piano nobile di Palazzo Ducale, da sabato 4 settembre, il primo atto della mostra “Rinascimento Sabbionetano” si è ampliata con nuove sale e nuovi abiti storici. E’ solo un preludio agli atti secondo e terzo che riguarderanno, nei prossimi mesi, allestimenti negli altri palazzo storici Sabbionetani.

Cenni biografici
Claudio Nicoli nasce a San Giovanni in Persiceto, in provincia di Bologna, nel 1958. Dopo studi classici, nel capoluogo emiliano si laurea all’Accademia di belle Arti, nella sezione scultura sotto la guida del Maestro Quinto Ghermandi. In Toscana trascorre oltre trent’anni della sua vita artistica, approfondendo la conoscenza dei Miti mediterranei  e il suo interesse per la  civiltà dei Greci e degli Etruschi che lo porta a rivisitare gli episodi e i protagonisti della mitologia epica  in chiave post-moderna.

Espone dal 1987 in mostre personali e collettive in Italia ed all’estero realizzando  opere  di piccole e grandi dimensioni in bronzo, marmo e terracotta. Dal 1995 è presente sulle case d’asta italiane più prestigiose. Sue opere si trovano in svariati Musei , collezioni private e spazi pubblici. Tra gli altri , si  aggiudica il primo premio Fiorino d’oro per la scultura all’ultima edizione del Firenze Europa 2019, in Palazzo Vecchio a Firenze. Alla passione per la sculture e la pittura affianca quella per la scrittura, in forma di poesia e di racconti brevi.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti