Sport
Commenta

Rugby, Zebre e Viadana
lavorano insieme

Rugby Viadana e Zebre Rugby sono sempre più collegate in una logica di franchigia e quindi una collaborazione tecnica tra le due anime ovali non solo non deve stupire, ma addirittura è una logica conseguenza della territorialità delle due squadre.

Rugby Viadana e Zebre Rugby sono sempre più collegate in una logica di franchigia e quindi una collaborazione tecnica tra le due anime ovali non solo non deve stupire, ma addirittura è una logica conseguenza della territorialità delle due squadre. La stagione è ormai pronta a partire in modo ufficiale con molti giovani che sognano ed inseguono la possibilità di giocare stabilmente ad un buon livello e magari puntare aqualche apparizione in campo internazionale…

“I leoni si sono confrontati alla Cittadella del Rugby di Parma coi giocatori del Zebre. In vista dei rispettivi impegni nelle tre competizioni, multicolor e gialloneri hanno dunque testato il proprio stato di forma sui campi da gioco del centro sportivo d’eccellenza in gestione alla Federazione Italiana Rugby.

Martedì il confronto è avvenuto soprattutto tra i reparti, con gli avanti a sfidarsi in sessioni di mischia chiusa, touche e maul e i trequarti impegnati nelle loro giocate e ripartenze dai lanci di gioco.

Mercoledì é andato in scena un allenamento colletivo  con situazioni reali di partita.

Le dichiarazioni del capo allenatore del xv giallonero Germán Fernández: “L’idea di fare questi allenamenti congiunti era quella di condividere l’esperienza. Martedì abbiamo fatto units e oggi collettivo. È stata una bella esperienza perché è sempre una motivazione per i giocatori giocare contro una squadra di alto livello, sia fisica che tecnica, un momento che genera una situazione emotiva che non è facile trovare nell’allenamento normale. È stata una grande opportunità per trovare un contesto e un ambiente diverso. Sono contento dei risultati in termini emotivi, l’insicurezza che si trasforma in sicurezza e ci fa crescere molto.”

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti