Eventi
I commenti sono chiusiCommenta

Colorno, amanti d'organo,
cominciato il Festival Serassi

Dopo il primo concerto si proseguirà domenica 19 e domenica 26 settembre con altri due momenti musicali che si terranno alle 18, con ingresso libero e che avranno come protagonista il grandioso organo costruito da Andrea Luigi e Giuseppe Serassi di Bergamo tra il 1792 e il 1796.

Nella splendida e suggestiva cornice della Cappella Ducale di San Liborio della Reggia di Colorno, ha preso il via l’edizione 2021 del Festival Serassi a cura dell’Associazione “Giuseppe Serassi” di Guastalla. Dopo il primo concerto si proseguirà domenica 19 e domenica 26 settembre con altri due momenti musicali che si terranno alle 18, con ingresso libero e che avranno come protagonista il grandioso organo costruito da Andrea Luigi e Giuseppe Serassi di Bergamo tra il 1792 e il 1796. Allo strumento si esibiranno musicisti di chiara fama. Il primo concerto si è mostrato come una sorta di pellegrinaggio musicale che, sulle orme del cammino di Santiago di Compostela, ha presentato musiche di autori di paesi ed epoche diverse. Allo splendido strumento si è esibito il maestro Albero Dossena. Di origini cremasche ha studiato Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza, proseguendoli al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, diplomandosi nella classe del Maestro G. Parodi. Ha in seguito conseguito il diploma di Clavicembalo e ha frequentato corsi di perfezionamento con i più qualificati docenti, in particolare a Santiago di Compostela con Montserrat Torrent. Svolge attività concertistica partecipando a prestigiose rassegne in Italia e all’estero ed è risultato vincitore di importanti concorsi organistici. Studioso di arte organaria ha curato pubblicazioni su restauri di organi storici ed è consulente del Segretariato Regionale MiBAC della Lombardia. È organista titolare della Cattedrale di Crema e della Basilica di S. Maria della Croce e membro della commissione per gli organi della Diocesi di Crema. Nel secondo concerto, dal titolo “Pescatti, Valerj e la musica italiana tra Barocco, Stile Galante e Classicismo” che avrà luogo domenica 19 settembre, si potrà ascoltare il maestro Paolo Bottini. Cremonese ha conseguito i diplomi di Organo e Composizione Organistica, Pianoforte e Clavicembalo ed è stato premiato come vincitore in vari concorsi organistici internazionali. Nel 2012-2013 ha ricoperto l’incarico di organista supplente alla chiesa della Trinité a Parigi, in cui fu a lungo titolare O. Messien. Nella stessa città ha ottenuto la carte professionnelle di organista liturgico rilasciata dall’arcidiocesi parigina. Responsabile della tutela e valorizzazione dello storico organo “F.lli Lingiardi” della chiesa parrocchiale di Castelvetro Piacentino, dal 1991 è organista supplente della Cattedrale di Cremona. Ha pubblicato molte incisioni realizzate su strumenti storici, tra le quali spiccano l’integrale delle opere organistiche di G.B. Pescetti e G. Valerj, autori veneti vissuti tra il 1700 e il 1800, che potremo apprezzare eseguite allo splendido strumento Serassi. Nel terzo e ultimo concerto, dal titolo “Tre secoli di musica spagnola e portoghese” si potrà infine ascoltare ascoltare la maestra Auxiliadora Caballero, la quale ha studiato Pianoforte e organo al Conservatorio di Siviglia e ha seguito corsi di perfezionamento e masterclasses con i più importanti nomi del panorama organistico internazionale, tra i quali J.C. Zehnder, O. Latry, L. Van Doeslaar e P. Dirksen. Si esibisce sia come solista che in diversi ensembles in rassegne concertistiche nazionali e internazionali e svolge la sua attività professionale a Zurigo come organista alla St. Andreaskirche, Predigerkirche e Reformiertekirche a Oberrieden. Vanta un notevole repertorio pianistico che comprende autori quali Mozart, Haydn, Beethoven, Chopin e autori spagnoli di diverse epoche. Il suo repertorio organistico comprende gli autori della grande tradizione tedesca: Buxtehude, Muffat e Bach e si fa promotrice della diffusione del repertorio iberico dal XVI al XVIII secolo, che si potrà ascoltare nel corso di questo terzo ed ultimo concerto, con brani di Correa De Arauxo, Cabezòn, Cabanilles, Padre Soler e Carlos Seixas. La rassegna è patrocinata dalla Provincia di Parma, dal Comune di Colorno ed è sostenuta da alcuni sponsor privati.

Paolo Panni – Eremita del Po

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.